Blog di

di Andrea Indiano

La Nikon blocca una mostra fotografica sulle schiave sessuali dei giapponesi durante la guerra

Blog post del 7/06/2012
Parole chiave: 

Durante la seconda guerra mondiale, l'esercito giapponese rapì migliaia di donne coreane, indonesiane, cinesi e filippine per farle prostituire. Le donne venivano portate in delle cosiddette "zone di comfort" dislocate vicino ai campi di battaglia in Asia e per questo fu dato loro il nome di "comfort women" anche se si trattata di vere e proprie schiave a sfondo sessuale. I dati parlano di circa 200mila giovani costrette a prostituirsi: attirate con l'inganno di un lavoro inesistente o strappate con la forza dalle famiglie. A disposizione dei soldati, queste donne venivano stuprate e sfruttate quotidianamente dai soldati e dai loro superiori. Finita la guerra, una parte delle donne ancora in vita vennero lasciate in Cina, abbandonate a loro stesse. Il fotografo coreano Ahn Sehong ha ritrovato alcune di queste ex schiave, ora quasi 90enni e le ha fotografate. Le immagini avrebbero dovuto far parte di una mostra nel palazzo della Nikon a Tokyo, ma l'azienda all'ultimo ha bloccato l'evento senza dare spiegazioni al fotografo. Da tempo il Giappone rinnega i propri crimini di guerra e in passato anche esponenti del governo hanno negato l'esistenza delle prostitute rapite. Il governo nipponico inoltre non ha mai fatto risarcimenti alle singole persone coinvolte. "All'inizio queste donne mi trattavano come uno straniero e non si fidavano - ha detto Sehong - molte di loro anche se anziane continuano a fare l'elemosina o a vendere oggetti e verdure sugli autobus. Siamo entrati in confidenza e si sono lasciate fotografare. Hanno vissuto da sole per 70 anni dopo essere state sfruttate durante la loro giovinezza. Con queste foto vorrei solo evitare che venissero dimenticate di nuovo". Anche se la mostra al momento è stata ingiustamente bloccata, possiamo ugualmente osservare queste intense fotografie.

Fonte delle foto: http://ahnsehong.com/

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

 

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

Altro che stelle: il miglior oroscopo è quello musicale

Quale canzone dominava la hit parade quando siete nati? Questo sito lo rivela e vi dice anche di più
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica