Blog di

di Alessandro Da Rold

Le mani pulite del Pd: per Furio Colombo e Roberto Zaccaria niente contributi al partito

Blog post del 16/07/2012

Il Partito Democratico di Milano ha pubblicato sul suo sito internet chi «ha contruibuito economicamente al sostegno della Federazione metropolitana milanese». Qui di seguito il link. Tra deputati e senatori che non hanno sganciato un euro al partito mancano all'appello nomi celebri. Tra questi Furio Colombo, già editorialista del Fatto Quotidiano, Roberto Zaccaria e Ercolino Duillio. C'è pure Linda Lanzillotta, ma la deputata un tempo vicina a Francesco Rutelli ha lasciato da diverso tempo i democratici come pure l'Api. Tra i senatori spiccano invece Umberto Veronesi e Tiziano Treu. Il primo ha mollato l'incarico nel 2010 dopo la nomina di presidente dell'Agenzia per la sicurezza nucleare. Il secondo siede tra i banchi di palazzo Madama.

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

 

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

Altro che stelle: il miglior oroscopo è quello musicale

Quale canzone dominava la hit parade quando siete nati? Questo sito lo rivela e vi dice anche di più
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica