Blog di

di Alessandro Da Rold

Nicole Minetti come Silvio: chiede il legittimo impedimento al processo Ruby

Blog post del 6/07/2012

In due anni non ha fatto neppure un intervento in aula. Ma Nicole Minetti, consigliere regionale di regione Lombardia, ha chiesto un'istanza di legittimo impedimento per l'udienza di lunedì prossimo al processo Ruby: c'è da votare il bilancio e la bella igienista dentale non vuole mancare. Era un mese che non si sentivano più queste due magiche parole: legittimo e impedimento. Da quando Silvio Berlusconi, ex presidente del Consiglio, lo chiese sempre nel processo della giovane marocchina Karima El Marhoug. Il Cavaliere la spuntò, facendo valere il suo impegno durante i lavori parlamentari a Montecitorio. Bisogna dirlo. Negli anni passati c'eravamo abituati a richieste a ripetizione da parte di Berlusconi. C'era il viaggio da Putin. C'era il consiglio dei ministri. C'era l'incontro con Obama. Ora tocca a Nicole, che potrebbe regalare altre grandi soddisfazioni durante le prossime udienze di un processo dove è stata rinviata a giudizio per favoreggiamento della prostituzione. Chissà cosa ne pensa il presidente di regione Lombardia Roberto Formigoni?

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

 

I trucchi dei menu per manipolare le tue scelte

Credi di volere quella bistecca ai ferri, ma in realtà te lo hanno suggerito loro. Così

Hong San-soo, il Woody Allen della Corea del Sud

Il regista non sbanca al botteghino, ma fa incetta di premi e riconoscimenti. È ora di conoscerlo bene

Le lettere ipocrite degli uomini che picchiano le donne

Una Ong ha raccolto in un libro i messaggi dei mariti/compagni pentiti. Le violenze, poi, non sono finite

La prima trasfusione avvenne con sangue d’agnello

Quando la medicina era ancora alchimia, e ci si chiedeva se ricevere sangue potesse alterare il carattere

PRESI DAL WEB

Nobraino sulla strage dei migranti: “Acque pescose questa estate”

Il passo falso della band riminese costa caro: banditi dal Controfestival del Primo Maggio, rischiano tutta la carriera. La battuta ha fatto infuriare i fan