Blog di

di Monica Capo

E voi, in una cava dismessa, cosa ci fareste?

Blog post del 10/07/2011

 

 

 

 

Se dalle civiltà classiche abbiamo ereditato la meraviglia dell’antica Pompei - sopravvissuta all’eruzione del 79 d.C. ma non al ministero dei Beni culturali - il monumento che questa civiltà sta lasciando in eredità alle future generazioni sono migliaia di ettari di territorio riempiti di rifiuti. I palazzi arrampicati gli uni sugli altri sono il positivo di un calco che ha il suo negativo nei buchi aperti dallo sventramento delle montagne, delle colline, delle valli.


Anna Fava

 

 

Nelle cave dismesse nell'hinterland napoletano ci vogliono allestire le sempreverdi discariche mentre in Europa, le  utilizzano per ricavarci degli auditorium per concerti o spazi per la socializzazione.

E voi, in una cava dismessa, cosa ci fareste?


Recita così, l’ultimo lavoro del Collettivo Latrones, che raggruppa grafici, fotografi e scrittori originari di Terra di Lavoro.


Di sicuro, cosa farci in quei buchi, lo sa bene Annunziato Vardè, il commissario straordinario incaricato di individuare e realizzare le discariche (che, a lui, piace chiamare siti) dove mettere i rifiuti in Campania.


Il viceprefetto, originario di Vibo Valentia, per mettere a frutto il progetto, avrebbe diviso l’intera zona in sette «aree omogenee» (area metropolitana, che comprende la città di Napoli; penisola sorrentina; area nolana; area acerrana; area vesuviana; area nord ed area domitio flegrea) ed individuato cinque cave da attrezzare entro sei mesi a Chiaiano, Marano, Giugliano, Comiziano e Sant’Anastasia.


Naturalmente, non si è fatta attendere, la reazione degli attivisti del Presidio antidiscarica di Chiaiano e Marano, che hanno annunciato per Mercoledì prossimo, un'assemblea popolare che si terrà sulla Rotonda Titanic, luogo simbolo di una protesta, che si trascina dal 2008.


Intanto, è ri-cominciato anche lo sversamento dei rifiuti nelle discariche in provincia di Benevento, Avellino e Caserta, secondo quanto previsto dall’ordinanza firmata dal presidente della Regione Stefano Caldoro.
Più precisamente, si conferisce nelle discariche di Sant’Arcangelo Trimonte (Benevento), Savignano Irpino (Avellino) e San Tammaro (Caserta).


E, mentre, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, la definisce "una cosa grottesca", la battaglia si trasferisce in tribunale, dato che dopo Zinzi a Caserta, anche i presidenti delle Province di Benevento Aniello Cimitile e di Avellino Cosimo Sibilia hanno annunciato il ricorso al Tar.


Ma, ciò che è meno visibile, ed è  la vera emergenza, è quanto riportato nel Rapporto Istat del 2011 sulla Campania: gli abitanti di questa regione vivono in media due anni in meno degli altri cittadini italiani.

Emergenza talmente grave, da spingere la Flotta americana a temere seriamente per la salute di chi vive in alcune aree della città campana, dove aria, acqua e terra hanno un livello 'inaccettabile' di inquinamento, e a consigliare, addirittura, ai suoi militari che lavorano alla Base Nato di Napoli, di non lavarsi i denti con l'acqua del rubinetto, di farsi la doccia con occhi e bocca chiusa, di evitare di stare negli scantinati e di venire troppo a contatto con il terreno. 

E, fa davvero ridere, che, in queste ore, Giuliano Zuccoli, presidente di A2A, la nota multiutility lombarda, dica che il vero problema della Campania sono i 7 milioni di ecoballe accatastate a Giugliano, suggerendo come soluzione un termovalorizzatore come quello di Acerra.

La nuova amministrazione del Comune di Napoli sta, infatti, provando a cambiare passo, dicendo no alla costruzione di un inceneritore a Napoli Est e portando avanti con determinazione la linea della raccolta differenziata finalizzata al recupero di materia

Tra l’altro, Anna Fava, dell'Assise della città di Napoli, denuncia su Left, come i fratelli Colucci della Daneco (società della holding Unendo, un colosso da oltre 200 milioni di euro di fatturato e oltre 3mila clienti tra le maggiori industrie internazionali) abbiano vinto un appalto da 300 milioni, per l’inceneritore di Salerno, ma siano indagati dalla Lombardia alla Sicilia per reati ambientali, subappalti sospetti, truffa, corruzione.


Che cosa non si farebbe per il famigerato Cip6
 

COMMENTI /

Ritratto di Margherita Russolillo
Dom, 10/07/2011 - 18:16
Margherita Russolillo
Anch'io sono contro i tervalorizzatori, fare la differenziata è l'optimum. Tutto deve essere riciclato,tutto ciò che a noi non serve più, le industrie riutilizzano facendo dall'umido concimi, dalla plastica , tutti i prodotti correlati ad essa ecc. ecc. Spero che al più presto possa partire in tutte le regioni, altrimenti se si preleva e poi i prodotti non vengono riciclati siamo sempre allo stesso punto.
SHARE
Ritratto di cosimo
Lun, 11/07/2011 - 15:04
cosimo
non ci siamo proprio. Ognuno fa le scelte che vuole ma con i soldi suoi. Nelle discariche vicino casa i rifiuti non li vogliamo, nelle discarche degli altri vanno benissimo. La differenziata non parte perché non ci sono i soldi. Arrow bio perché sono israeliani, thor perché preparerebbe un combustibile buono per i famigerati cementifici... Napoletani, sapete che c'è? Mettete i rifiuti nel cono del Vesuvio tanto il giorno incui si sveglierà avrete altri problemi che quello della lava "sporcata" dai rfiuti
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’Ocse taglia le stime sul Pil italiano del 2014: da +0,5% a -0,4%

Per il 2015 è previsto un aumento dello 0,1%

Cade dal quinto piano scuola, grave 15enne di Bergamo

Stamane intorno alle 8 è stato trovato a terra nel cortile del liceo scientifico Lussana di Bergamo

Libia, affonda barcone di migranti: le vittime potrebbero essere oltre 200

Ennesima tragedia nel Mediterraneo. Finora tratte in salvo solo 26 delle 250 persone a bordo. Molti corpi senza vita tra le onde

Per quello che vale: il costo dell’estrazione mineraria

Una serie fotografica mostra il costo ambientale a fronte del prodotto (scarso) delle miniere
SHARE

Come imparare un discorso a memoria senza errori

Un metodo antico come il mondo, o almeno come i discorsi pubblici, raccontato in un’infografica
SHARE

Se non siete contenti della vostra vita, cambiatela

Ed ecco come: un metodo in tre passi per sbarazzarsi di vecchie abitudini e diventare virtuosi
SHARE

Il film palindromo, dove la fine è come l’inizio

Ma l’inizio non è come la fine: la narrazione segue schemi speculari ma risulta perfetta
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come si diffondono davvero le epidemie

La prossima pandemia non si diffonderà dalla giungla, ma da quelle fabbriche di malattie che sono ospedali, campi profughi e città

Israele, la lettera dei soldati obiettori

Una quarantina di soldati dell’esercito israeliano ha deciso di firmare una lettera in cui rifiuta di partecipare ad azioni militari contro i palestinesi a Gaza

La cultura dello stupro nel deserto dell’Alaska

Nelle comunità dell’estremo nord, non ci sono strade, nessun ufficiale di polizia e c’è un tasso più alto di violenza sessuale che negli Stati Uniti