Blog di

di Monica Capo

Un lavoro pericoloso: "La Miniera" a Città del Guatemala

Blog post del 19/11/2011

Città del Guatemala, una località chiamata "La Miniera", è per la gente un mezzo di sopravvivenza ma anche una fonte di morte orribile.

Ogni giorno, decine di residenti cercano di sopravvivere perlustrando l’enorme discarica alla ricerca di rottami metallici da vendere.

Di fronte alla minaccia di frane, crolli e malattie, essi possono potenzialmente guadagnare, da questa attività conosciuta localmente come “mining”, circa 150 quetzal ($ 20 dollari) al giorno, cioè quasi il doppio del salario giornaliero minimo.

Il fotografo Rodrigo Abd, dell’Associated Press, ha documentato i loro sforzi: http://www.boston.com/bigpicture/2011/11/dangerous_work_the_mine_in_gua.html

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’autonoleggio Maggiore è stato comprato da Avis per 170 milioni di euro

La preoccupazione dei sindacati: «Continueremo a mobilitarci per la salvaguardia di tutti i 400 posti di lavoro»

Regionali, la Lega vota all’unanimità: Zaia è il candidato del Veneto

La resa dei conti nel quartier generale del Carroccio. Voto a favore anche diel sindaco di Verona, Flavio Tosi. Un bilancio della manifestazione di Roma

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica