Blog di

di Marco Giovanniello

Sullo scoglio delle liberalizzazioni affonda la credibilità del Governo Monti

Blog post del 29/02/2012
Parole chiave: 

E' un guaio che di questi tempi al cinema ci sia la signora Thatcher nell' algida interpretazione di Meryl Streep. "Sink" e il General Belgrano affonda, col suo invisibile carico di giovani marinai argentini. Determinazione ferrea che urta il nostro istintivo buonismo e fa capire come quella esperienza sia culturalmente agli antipodi della nostra, nel bene e nel male. Intendo quella britannica, perché l' Argentina sarà agli antipodi geografici, ma come cultura economica l' eterno peronismo è certo più vicino a noi del thatcherismo.

Il sobrio liberalizzatore Monti, succeduto a Palazzo Chigi al liberista Berlusconi, non avrà nessun film da Oscar come la liberalizzatrice Thatcher, certo non per queste nostre liberalizzazioni, che sono diventate peggio che una commedia all' italiana, accozzaglia risibile di misure perlopiù inutili o addirittura nocive. Se il nostro futuro dipende da loro, facciamo subito le valigie.

Quel che è chiaro è che il Governo Monti, dopo cento giorni, è altrettanto impotente dei precedenti. Nulla può scalfire il potere dei taxisti. Il numero delle farmacie aumenta, di poco o di tanto, ma si fatica a capire a che cosa servano altre farmacie, servirebbero prezzi dei farmaci più convenienti, che non possono venire da una struttura distributiva appesantita.

Agghiacciante l' idea dei conti correnti bancari gratis ai pensionati e per numerosi motivi. Molti pensionati sono poveri, ma molti altri no. Immaginate uno dei tanti lavoratori autonomi che hanno evaso le tasse tutta la vita e quindi ha una pensione bassa, ma ha un discreto patrimonio, accumulato ai danni del fisco. Avrà la banca gratis. Assurdo.

Come in tutto il mondo anche in Italia la ricchezza è concentrata nelle mani degli anziani, non in quella dei giovani, che possono solo sognare di avere 1.500 euro al mese. Si favorisce chi ha meno bisogno ed è ovvio che le banche si rifaranno sugli altri clienti, compresi quelli che vorrebbero annoiarsi col posto fisso che invece non trovano.

Lo Stato è proprietario delle Poste e, se avesse voluto regalare un servizio bancario, meglio avrebbe fatto a pagarlo di persona dando un c/c postale ai bisognosi, scelti peraltro con miglior criterio, invece che "fare il frocio col culo degli altri" e più precisamente delle banche, a cui viene imposta una corvée di cui fatico a capire la necessità. Perché allora non il telefonino gratis o il pane e magari i circenses, allo stadio o su SKY?

Queste sedicenti liberalizzazioni non liberalizzano quasi niente, non servono quasi a niente, scalfiscono l' insieme di storture che zavorrano la nostra economia, aggiungendone altre arbitrariamente, senza senso.

Immagino che certe perle siano state pensate e proposte da alti papaveri ministeriali, sempre gli stessi che le partorivano per i passati Governi e  che sono più contrari al mercato di Stalin. Se vogliamo che l' Italia cambi bisogna sostituirli tutti con gente completamente diversa.

Andiamo presto alle elezioni, non cambierà nulla, ma almeno eviteremo di illuderci ancora. Queste pseudoliberalizzazioni sono state soltanto fumo populistico inconcludente. Passato lo spread, gabbato lo santo. Se vi piacciono le liberalizzazioni andate a vederle con Meryl Streep al cinema.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Alessio
Mer, 29/02/2012 - 20:48
Alessio
Non sarei così duro col governo, sebbene il fallimento sia evidente. In occasione delle liberalizzazioni il parlamento si è dimostrato ancora una volta - e sempre paradossalmente - l'anello debole della democrazia. D'altronde è tutto da spiegare il motivo per cui, dopo 20 anni in cui si è andati a macchine avanti tutta verso il peggio, oggi ci si sorprenda dell'incapacità di un governo tecnico e provvisorio di piegare talmente radicate storture.
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Mer, 29/02/2012 - 21:26
mgiovanniello
Sono d' accordo con lei, non è colpa di Monti, ma è finita la luna di miele in cui questo Governo ha potuto governare nonostante questo Parlamento. Passato lo spread, gabbato lo santo.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 29/02/2012 - 22:03
Sì ma mi permetta di dissentire dal titolo e dalla conclusione. La classe politica è quella che ha fino a qualche mese fa portato l'Italia sull'orlo del baratro. Non vedo come possa dopo Monti riprendere un trend diverso da quello che seguiva in precedenza. Trend che Monti, anche se solo limitatamente, ha invertito. Se il parlamento è come è l'anello debole della democrazia in questo momento - in buona parte asservito a interessi particolari, anche i più penosamente circoscritti - tanto più limita l'azione di un governo che, senza bisogno di santificazioni, avrebbe intenzioni di certo migliori. Dunque avrei gradito, e completamente approvato, un titolo che in qualche modo recitasse "il parlamento affonda un governo che vuole le liberalizzazioni". Una frase la cui eco antidemocratica, direi pre-fascista, disegna d'altronde alla perfezione il perimetro del guaio italiano.
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Mer, 29/02/2012 - 22:29
mgiovanniello
<p>Le confesso un peccato mortale: quando mangio pesante mi capita di sognare un bivacco di manipoli in quell&#39; aula sorda e grigia e quando mi sveglio mi fustigo per fare penitenza.</p> <p>Vale ancora per noi il detto di di Churchill <em>&quot;Democracy is the worst form of government except all those other forms that have been tried from time to time&quot;</em> ? Almeno mi sforzo di credere che valga ancora, ma in questi giorni lo sforzo &egrave; massimo.</p> <p>Tutto sommato liberalizzare i taxi non avrebbe cambiato molto le nostre prospettive economiche e l&#39; eliminazione delle pensioni di anzianit&agrave; &egrave; ben pi&ugrave; rilevante, ma che siano i tassisti o i noTAV, qui qualunque gruppo bene organizzato, determinato e con una consistente peluria sullo stomaco tiene il Paese in ostaggio per tutto il tempo che vuole.</p> <p>La democrazia &egrave; un&#39; altra cosa e lo stesso Governo Monti &egrave; colpevole di cercare, pi&ugrave; che <em>law and order</em>, il consenso del populismo pi&ugrave; ottuso, dai conti bancari gratis per i pensionati alla supertassa e l&#39; ignominia per le auto di lusso, particolarmente stupida nel Paese che le produce e le vende in tutto il mondo ed &egrave; l&#39; unico, insieme alla Germania, ad avere tutto l&#39; interesse che esistano.</p>
SHARE
Ritratto di cortesan
Gio, 01/03/2012 - 07:48
cortesan
a giudizio dello scrivente è nato il mestiere di povero,l'art.4 della costituzione è virtuale e sono in vita tanti pinocchi
SHARE
Ritratto di PieroS
Gio, 01/03/2012 - 19:49
PieroS
Ahimè! Come non essere d'accordo?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE

Imparare la filosofia dell’Oriente e vivere meglio

A scuola si insegna solo la tradizione occidentale. Urge rimediare subito, con un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità