La foto di Samuel Aranda che ha che ha vinto il World Press Photo 2012,rappresenta una sintesi pregnante di questo nostro tempo: una donna di cui non si vede il volto tiene un in braccio un giovane uomo bianco ferito, di cui non si intuiscono i tratti somatici. Dietro di loro s’indovina il fumo, ma non si vede una scritta, non c’è un segno architettonico che possa far dire dove siamo e chi siano i protagonisti di quest’immagine.
Qualcuno ha detto che questa è estetica e che è il calco della Pietà di Michelangelo.
E’ vero sul piano formale e forse questo allude a una sensibilità di chi ha scattato la foro o di un occhio abituato a percepire il senso della pietà e del dolore attraverso . Ma è un’analisi che non mi convince perché rimane sulla superfici oppure descrive una storia del’occhio in gran parte eurocentrica e cristiana.
A me sembra che il fuoco di quell’immagine, il punto, la cosa che mi colpisce, non sia il tema, ma l’impersonalità dei suoi protagonisti. Questa foto sappiamo dove è stata scattata (a Sanaa durante le rivolte contro il regime) ma i protagonisti non hanno un nome, non hanno un volto definito e dunque non sono individuabili. Per questo, questa foto, come il cinese senza nome davanti al carro armato che tenta inutilmente di superarlo fino a costringerlo a fermarlo, è tutti noi.
In una condizione dove tutti esaltano la propria specificità, dove ognuno mette prima il proprio io davanti e prima di ogni cosa, a me non sembra una scelta estetica, bensì universalistica. Una dimensione a cui non siamo più abituati da tempo.
 

Storia Minima
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Dl Irpef, attesa oggi firma Napolitano

testo è stato esaminato nel suo complesso

Obama a Tokyo: sostegno su isole Senkaku

Il presidente Usa ha ribadito il sostegno statunitense a Tokyo nella contesa territoriale sulle isole Senkaku

Apple, risultati superiori alle aspettative: utili per 10 miliardi nel trimestre

Ricavi per 45 miliardi di dollari. Annunciato un buy-back per 30 miliardi di dollari. Il titolo vola

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare