Blog di

di Gioele Urso

Chi conosce la differenza tra la tigre ed il leone?

Blog post del 28/05/2012

Era una giornata soleggiata. Dopo giorni e giorni di piogga il sole decise di uscire allo scoperto e di degnare gli abitanti della terra con la sua presenza. Chi festeggiava con una passeggiata in città, chi leggendo un libro seduto su una panchina sotto un albero e chi, in tantissimi, andando a farsi una corsetta dopo una intensa giornata di lavoro. 

Erano giorni forti: gli scandali ed il sospetto poco per volta si stavano introducendo in tutte le fessure del mondo politico, religioso e sportivo. La sensazione era che qualcosa si stesse muovendo, in quale direzione però non si riusciva a comprendere. 

In città intanto era arrivato il circo. Per le vie del paese girava e rigirava il camioncino con il megafono che diffondeva l'annuncio con gli orari degli spettacoli. "Accorrete gente accorrete. Venite a vedere il pagliaccio, la scimmia e l'ippopotamo" - ma non c'erano solo quegli animali, erano molti di più che vivevano in una gabbia, ammaestrati e costretti in numeri imparati dopo chissà quali barbarie. 

Lo spettacolo pomeridiano era appena terminato. I nonni con i nipoti uscivano in ordine sparso diretti verso casa e pronti alla cena. Il bambino entusiasta dello spettacolo che aveva visto raccontava agli anziani che lo avevano accompagnato quello che già avevano visto insieme a lui. Gianni correva incurante di tutto questo cercando di schivare i passanti e riempiendosi i polmoni anche di odore di sterco. 

Vicino al recinto dell'ippopotamo si erano fermate quattro ragazze, anche loro erano andate in quello stesso posto per correre. Gianni le guardava, a naso stimava un'età inclusa tra i 15 e i 18 anni. Una teneva in mano un cellulare e lo puntava contro le altre intente a farsi fotografare con alle spalle il grosso mammifero africano. Scattata la fotografia mentre le amiche si allontanavano dal recinto dell'ippopotamo, una rimasta indietro le richiamava dicendo: "Sfigate sfigate sentite come fa la tigre!!" - e mentre diceva questo puntava un leone... 

E' per questo che raramente mi stupisco. Anche questa è Italia. 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 29/05/2012 - 07:42
Non capisco lo stupore. Nell'ordinario delle nostre città non s'incontrano né tigri, né leoni, né polli e galline, per altro. Questi giovani vivono immersi in un'atmosfera di "connessione continua" dove la permanente esposizione a stimoli attenua la portata di ogni stimolo e bisogna urlare perché ti guardino appena e ti dicano con aria stupita: " ... che vuoi ..." senza neanche punto interrogativo, che non si usa più. La "geografia geografica" (saper di monti e valli e fiumi e laghi edi temperature medie e di popolazioni e territori) sono decenni che in Italia è stata ritenuta disciplina sovversiva e pericolosa ed abolita, di diritto e di fatto, dal sistema d'istruzione. Questo i miei ragazzi di 15/16 anni ... i genitori (30/40 anni) sono assai peggio. Brava, perché ha azzeccato il genere dei felini. Ciao r
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Andrea Pirlo non è sinti. E a dirlo è proprio lui

La leggenda delle origini Sinti del calciatore della Juventus, smentita da lui stesso
SHARE

Come superare le feste senza ingrassare

Il Natale è uno dei periodi peggiori per chi vuol perdere peso. Consigli per vincere le sfide
SHARE

Il terzo segreto della satira: tra tv, web e Renzi

Un pomeriggio da comparsa nel backstage del Terzo Segreto di Satira. Tra battute e riflessioni
SHARE

Quella volta che il doppiaggio fu un capolavoro

Come un dialoghista rese la versione italiana di Frankenstein Junior meglio dell'originale
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori

L'addio di Napolitano: «Parlare di voto o di scissioni evoca l'instabilità»

Il saluto del presidente alle alte cariche dello Stato promuove il governo Renzi: «Procedere senza stop s