Tempesta di cervelli

Blog di

di Gioele Urso

Chi conosce la differenza tra la tigre ed il leone?

Blog post del 28/05/2012

Era una giornata soleggiata. Dopo giorni e giorni di piogga il sole decise di uscire allo scoperto e di degnare gli abitanti della terra con la sua presenza. Chi festeggiava con una passeggiata in città, chi leggendo un libro seduto su una panchina sotto un albero e chi, in tantissimi, andando a farsi una corsetta dopo una intensa giornata di lavoro. 

Erano giorni forti: gli scandali ed il sospetto poco per volta si stavano introducendo in tutte le fessure del mondo politico, religioso e sportivo. La sensazione era che qualcosa si stesse muovendo, in quale direzione però non si riusciva a comprendere. 

In città intanto era arrivato il circo. Per le vie del paese girava e rigirava il camioncino con il megafono che diffondeva l'annuncio con gli orari degli spettacoli. "Accorrete gente accorrete. Venite a vedere il pagliaccio, la scimmia e l'ippopotamo" - ma non c'erano solo quegli animali, erano molti di più che vivevano in una gabbia, ammaestrati e costretti in numeri imparati dopo chissà quali barbarie. 

Lo spettacolo pomeridiano era appena terminato. I nonni con i nipoti uscivano in ordine sparso diretti verso casa e pronti alla cena. Il bambino entusiasta dello spettacolo che aveva visto raccontava agli anziani che lo avevano accompagnato quello che già avevano visto insieme a lui. Gianni correva incurante di tutto questo cercando di schivare i passanti e riempiendosi i polmoni anche di odore di sterco. 

Vicino al recinto dell'ippopotamo si erano fermate quattro ragazze, anche loro erano andate in quello stesso posto per correre. Gianni le guardava, a naso stimava un'età inclusa tra i 15 e i 18 anni. Una teneva in mano un cellulare e lo puntava contro le altre intente a farsi fotografare con alle spalle il grosso mammifero africano. Scattata la fotografia mentre le amiche si allontanavano dal recinto dell'ippopotamo, una rimasta indietro le richiamava dicendo: "Sfigate sfigate sentite come fa la tigre!!" - e mentre diceva questo puntava un leone... 

E' per questo che raramente mi stupisco. Anche questa è Italia. 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 29/05/2012 - 07:42
Non capisco lo stupore. Nell'ordinario delle nostre città non s'incontrano né tigri, né leoni, né polli e galline, per altro. Questi giovani vivono immersi in un'atmosfera di "connessione continua" dove la permanente esposizione a stimoli attenua la portata di ogni stimolo e bisogna urlare perché ti guardino appena e ti dicano con aria stupita: " ... che vuoi ..." senza neanche punto interrogativo, che non si usa più. La "geografia geografica" (saper di monti e valli e fiumi e laghi edi temperature medie e di popolazioni e territori) sono decenni che in Italia è stata ritenuta disciplina sovversiva e pericolosa ed abolita, di diritto e di fatto, dal sistema d'istruzione. Questo i miei ragazzi di 15/16 anni ... i genitori (30/40 anni) sono assai peggio. Brava, perché ha azzeccato il genere dei felini. Ciao r
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Hamas e Fatah firmano un accordo di conciliazione

il leader di Hamas Ismaeli Haniyeh ha dichiarato che i conflitti all’interno del popolo palestinese sono terminati

Stamina, chiusa l’inchiesta a Torino. «Esseri umani usati come cavie»

Venti gli indagati. Le accuse: associazione per delinquere, truffa e somministrazione pericolosa di farmaci.

Renzi: giù tasse per i pensionati e per le partite Iva

"Ho preso un impegno con partite Iva, incapienti e pensionati nel proseguire nel lavoro di abbassamento tasse e lo manterrò"

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

Immagini di pranzi memorabili visti (solo) nei libri

Cosa mangiava Alice nel Paese delle Meraviglie? E il Grande Gatsby? I pasti riprodotti e fotografati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Arriva l’alcol in bustina: basta aggiungere un po’ d’acqua ed ecco una vodka

Per quelli che non hanno il tempo di sedersi al tavolino del bar, ecco la soluzione. Un bicchiere d’acqua e una bustina e il gioco è fatto. Ma sarà buono?

Perché il cibo sano ha un gusto peggiore di qualsiasi altro cibo

Esistono trucchi alimentari per ingannare il nostro cervello. E molti ristoranti li utilizzano per confonderci quando si tratta di mangiare sano

Ecco come il Vaticano digitalizzerà milioni di documenti in suo possesso

La biblioteca vaticana è stata fondata nel 1451 e contiene oltre 40 milioni di pagine. Per rendenrle digitali dovranno lavorarci oltre cinquanta esperti