Blog di

di Dario Dongo

Somalia, "the Crisis is not over!"

Blog post del 5/02/2012
Il 3 febbraio José Graziano da Silva, il nuovo direttore generale della FAO ('Food and Agriculture Organization), appena rientrato dalla Somalia, ha chiarito che "The crisis is not over". La crisi non e' finita, sebbene l'ONU abbia appena dichiarato la cessazione dello stato di 'famine': un criterio di carestia meramente 'contabile', basato su cinici conteggi di vittime e bisognosi. Ancor oggi due milioni di esseri umani hanno urgente bisogno di razioni alimentari d'emergenza per non venire falcidiati dalla fame. Altre risorse di cibo sono necessarie a scongiurare la malnutrizione cronica di milioni di bimbi, altrimenti condannati alla disabilita'. Soprattutto, e' ora il caso di sviluppare e attuare una strategia volta a interrompere il ciclico ripetersi di questo tipo di crisi in quella zona. "Non possiamo evitare le siccita', ma possiamo organizzare misure per prevenire che ad esse conseguano le carestie", ha ricordato Graziano da Silva. Per maggiori informazioni: http://www.fao.org/news/story/en/item/122091/icode
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

 

Hong San-soo, il Woody Allen della Corea del Sud

Il regista non sbanca al botteghino, ma fa incetta di premi e riconoscimenti. È ora di conoscerlo bene

Le lettere ipocrite degli uomini che picchiano le donne

Una Ong ha raccolto in un libro i messaggi dei mariti/compagni pentiti. Le violenze, poi, non sono finite

La prima trasfusione avvenne con sangue d’agnello

Quando la medicina era ancora alchimia, e ci si chiedeva se ricevere sangue potesse alterare il carattere

YouTube e il piccolo mondo antico della Cantafiabe

L’incanto dell’infanzia rivive in un canale in cui una ragazza, dal divano di casa sua, canta e interpreta le Fiabe Sonore

PRESI DAL WEB

Nobraino sulla strage dei migranti: “Acque pescose questa estate”

Il passo falso della band riminese costa caro: banditi dal Controfestival del Primo Maggio, rischiano tutta la carriera. La battuta ha fatto infuriare i fan