Blog di

di Alessandro Oliva

Se è Napoli a dare lezioni di economia agli inglesi

Blog post del 23/02/2012

Il Napoli è una delle migliori quattro squadre d'Europa. Non lo dicono soltanto i recenti risultati in Champions League, dove la squadra di Mazzarri sta tenendo alto assieme al Milan il nome del calcio italiano. Lo dicono anche i suoi bilanci. In questa stagione è entrarto in vigore il fair play finanziario voluto da Platini. Le prime sanzioni sul non rispetto delle regole finanziarie imposto dalla Uefa (45 milioni di passivo massimo nelle stagioni tra il 2012 e il 2014) arriveranno fra due anni. Ma se giungessero oggi, il Napoli sarebbe una delle 4 squadre virtuose a non subire conseguenze. E a fare compagnia agli azzurri ci sarebbero il Real Madrid, l'Arsenal e il Bayern Monaco.

Tra le magnifiche quattro, dunque, solo una inglese. Il calcio d'oltremanica è stato spesso additato come fulgido esempio di modello da seguire. Ed è ancora così, per molti versi: diverse squadre hanno gli stadi di proprietà, il pubblico negli impianti è molto corretto e la Premiere League, la serie A inglese, vende i propri diritti tv generando notevoli ricavi. Ma per altri versi,questo mondo dorato comincia a presentare qualche crepa.

Primo: il razzismo. I recenti casi di insulti di John Terry ad Anton Ferdinand (e per questo JT ha perso la fascia di capitano della nazionale inglese) e di Suarez a Evra mostrano come il baricentro del nervosismo si sia spostato dagli spalti al campo.

Secondo: i bilanci delle squadre. Nella ultima Football Money League stilata da Deloitte, i topo team inglesi sono primi nelle classifiche per ricavi. Non guadagni, ricavi. Una distinzione importante, perchè il calcio inglese ha pure registrato, negli ultimi anni, disavanzi per 231 milioni di euro. Soldi spesi per vincere la Champions. Peccato che negli ultimi 10 anni sia successo solo una volta, nel 2008, quando fu il Manchester United a sollevare il trofeo. Insomma, i dati della Deloitte non bastano come specchietto alla Uefa, che ha iscritto nella sua lista nera proprio lo United, oltre al Manchester City e al Chelsea. 

Lo stesso Chelsea che per mano del suo ricco proprietario Roman Abramovich ha speso 900 milioni di euro per non vincere mai la Champions, contro i 60 spesi dal Napoli per regalare alla città nuove notti magiche. E delle 4 virtuose il Napoli è l'unica a non avere lo stadio di proprietà. La squadra di De Laurentiis è riuscita a creare un bilancio sano equilibrando gli introiti dei diritti tv con gli incassi del San Paolo e la gestione oculata del calcio mercato (non solo spendere, ma anche incassare). Chissà che non chiamino il patron azzurro a tenere un corso alla London School of Economics. Oppure potrebbe chiamarlo Massimo Moratti e chiedergli se il prossimo anno è disposto a cedergli qualche gioiello...

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Ferguson, in rete i documenti utilizzati dal Gran Giurì

I giurati hanno giudicato le prove insufficienti. Qui si può capire se la decisione è motivata o no
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula