Blog di

di Alessandro Oliva

Se è Napoli a dare lezioni di economia agli inglesi

Blog post del 23/02/2012

Il Napoli è una delle migliori quattro squadre d'Europa. Non lo dicono soltanto i recenti risultati in Champions League, dove la squadra di Mazzarri sta tenendo alto assieme al Milan il nome del calcio italiano. Lo dicono anche i suoi bilanci. In questa stagione è entrarto in vigore il fair play finanziario voluto da Platini. Le prime sanzioni sul non rispetto delle regole finanziarie imposto dalla Uefa (45 milioni di passivo massimo nelle stagioni tra il 2012 e il 2014) arriveranno fra due anni. Ma se giungessero oggi, il Napoli sarebbe una delle 4 squadre virtuose a non subire conseguenze. E a fare compagnia agli azzurri ci sarebbero il Real Madrid, l'Arsenal e il Bayern Monaco.

Tra le magnifiche quattro, dunque, solo una inglese. Il calcio d'oltremanica è stato spesso additato come fulgido esempio di modello da seguire. Ed è ancora così, per molti versi: diverse squadre hanno gli stadi di proprietà, il pubblico negli impianti è molto corretto e la Premiere League, la serie A inglese, vende i propri diritti tv generando notevoli ricavi. Ma per altri versi,questo mondo dorato comincia a presentare qualche crepa.

Primo: il razzismo. I recenti casi di insulti di John Terry ad Anton Ferdinand (e per questo JT ha perso la fascia di capitano della nazionale inglese) e di Suarez a Evra mostrano come il baricentro del nervosismo si sia spostato dagli spalti al campo.

Secondo: i bilanci delle squadre. Nella ultima Football Money League stilata da Deloitte, i topo team inglesi sono primi nelle classifiche per ricavi. Non guadagni, ricavi. Una distinzione importante, perchè il calcio inglese ha pure registrato, negli ultimi anni, disavanzi per 231 milioni di euro. Soldi spesi per vincere la Champions. Peccato che negli ultimi 10 anni sia successo solo una volta, nel 2008, quando fu il Manchester United a sollevare il trofeo. Insomma, i dati della Deloitte non bastano come specchietto alla Uefa, che ha iscritto nella sua lista nera proprio lo United, oltre al Manchester City e al Chelsea. 

Lo stesso Chelsea che per mano del suo ricco proprietario Roman Abramovich ha speso 900 milioni di euro per non vincere mai la Champions, contro i 60 spesi dal Napoli per regalare alla città nuove notti magiche. E delle 4 virtuose il Napoli è l'unica a non avere lo stadio di proprietà. La squadra di De Laurentiis è riuscita a creare un bilancio sano equilibrando gli introiti dei diritti tv con gli incassi del San Paolo e la gestione oculata del calcio mercato (non solo spendere, ma anche incassare). Chissà che non chiamino il patron azzurro a tenere un corso alla London School of Economics. Oppure potrebbe chiamarlo Massimo Moratti e chiedergli se il prossimo anno è disposto a cedergli qualche gioiello...

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

L’autonoleggio Maggiore è stato comprato da Avis per 170 milioni di euro

La preoccupazione dei sindacati: «Continueremo a mobilitarci per la salvaguardia di tutti i 400 posti di lavoro»

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica