Blog di

Del diritto di critica e del diritto alla salute: di Enel, del carbone

Blog post del 24/07/2012
Parole chiave: 

“Il diritto di critica è espressione del principio costituzionalmente garantito dalla libertà di manifestazione del pensiero. La critica configura l’espressione di un giudizio, di un’opinione, e in quanto tale non può essere rigorosamente obiettiva ma inevitabilmente soggettiva e corrispondente al punto di vista di chi la manifesta.

Il diritto di critica può essere esercitato anche in modo graffiante e con toni aspri, ma pur sempre con il parametro della proporzione tra l’importanza del fatto criticato (e dunque l’interesse pubblico del medesimo) ed i contenuti espressivi con i quali la critica è esercitata.

Enel è il maggiore utilizzatore in Italia di fonti fossili, in particolare il carbone, quale fonte di energia elettrica per le proprie centrali. A nulla rileva che le emissioni di CO2 prodotte dalle centrali a carbone Enel siano contenute nei rigorosi limiti di legge

Dando per scontato l’interesse pubblico globale in merito a mutamenti climatici del pianeta, fonti energetiche più o meno inquinanti in termini di CO2 e possibili fonti alternative di energia, dannosità per l’ambiente e per la salute umana in genere delle centrali termoelettriche a carbone…

...i termini killer, vittima, crimine, sporca verità configurano un linguaggio adeguato… non trasmodante in inutili aggressioni verbali ed attacchi personali, atteso che la durezza delle espressioni è giustificata dalla gravità della tematica affrontata, dal suo rilevante interesse per l’opinione pubblica

Le espressioni utilizzate sono assolutamente proporzionate al fatto e del tutto contenute in limiti accettabili, ancorchè incisive e pungenti.”

(Dalla sentenza del Tribunale di Roma, che ha rigettato il ricorso presentato da Enel e finalizzato alla sospensione della campagna facciamolucesuenel promossa da Greenpeace e alla condanna di quest’ultima)

Nella campagna di Greenpeace:
Il killer è Enel, Killer del clima
La Vittima è l’ambiente, oltre che le morti stimate provocate dalla combustione del carbone
Il Crimine è il reato verso l’ambiente e la salute
La Sporca verità, la pretesa di far credere che la combustione del carbone non provochi danni ambientali e alla salute.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Daniela Patrucco
Dom, 29/07/2012 - 01:47
Dpatrucco
caro Lorenzo, mi era sfuggito il suo commento... in ogni caso pensavo di poter evitare la parafrasi del testo. Comunque, il fatto, a cui le critiche si riferiscono, è che "Enel è il maggiore utilizzatore in Italia di fonti fossili, in particolare il carbone, quale fonte di energia elettrica per le proprie centrali. A nulla rileva che le emissioni di CO2 prodotte dalle centrali a carbone Enel siano contenute nei rigorosi limiti di legge… Dando per scontato l’interesse pubblico globale in merito a mutamenti climatici del pianeta, fonti energetiche più o meno inquinanti in termini di CO2 e possibili fonti alternative di energia, dannosità per l’ambiente e per la salute umana in genere delle centrali termoelettriche a carbone…" Per il resto concordo con la sentenza del Tribunale di Roma che ha valutato congruo il linguaggio usato da Greenpeace, in relazione all'importanza che il tema riveste per i cittadini. @anonimo decisamente sì: il rispetto delle normative, in un paese a tasso di controlli = zero com eil nostro, pare ancora più difficile da verificare.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Voto di scambio in Sicilia 2012, arresti

Ai domiciliari anche due 'deputati' dell' Ars tuttora in carica

Il “Made in” non passa, vince la Germania

Fuori onda del sottosegretario Carlo Calenda al ministro Maurizio Martina: “Anche se Renzi ha chiamato la Merkel la legge sul Made in” non passerà

Ocse: Italia penultima per occupazione giovanile

Ultimi per competenze in lettura e matematica, un giovane su tre non usa competenze sul lavoro

Più bikini per tutti: storia dei costumi da bagno dal 1890

Insieme ai costumi da bagno cambiano anche i costumi della società. Un video fa un riepilogo della prima categoria

Cosa succederebbe se la Terra smettesse di ruotare

La frenata del mondo avrebbe conseguenze catastrofiche. E non solo quella di veder volare via i vostri colleghi

Le donne saudite possono guidare. Ma solo in un videogame

Cavalcano motociclette rombanti in un’Arabia Saudita post-atomica per sconfiggere il male. Ma potrebbero cambiare il mondo

Il test di Bechdel, il filtro femminista al cinema mainstream

Sono tre semplici criteri, nati da un fumetto, per misurare il sessismo nei film. E molti non lo superano

PRESI DAL WEB

Cristiano Ronaldo ha donato 7 milioni di euro ai bambini del Nepal?

La notizia è stata riportata dal magazine francese So Foot, ma non ci sono ancora conferme da Save The Children

Migranti, la svolta dell'Ue: "Tutti gli Stati membri obbligati ad accoglierli”

Su la Repubblica la bozza della nuova Agenda della Commissione: via libera all'affondamento dei barconi e aiuti ai paesi di origine