Blog di

di Virginia Odoardi

Bentornata Rossella Urru!

Blog post del 18/07/2012

Rossella Urru è libera! La conferma, arrivata direttamente dal Ministro Giulio Terzi, ha scatenato la gioia non solo di Samugheo (paese di Rossella), della sua famiglia, ma anche di tutte quelle persone che da ottobre stavano aspettando la sua liberazione.

Dopo la divulgazione in marzo della liberazione della cooperante e la successiva smentita da parte delle istituzioni, l'entusiasmo per la notizia odierna è stato soffocato fino all'arrivo della conferma della Farnesina.

Il caso di Rossella Urru, come quello di molte altre persone rapite nel mondo (come Giovanni Lo Porto catturato a gennaio in Pakistan), ha risvegliato nella gente un senso di profonda condivisione nei confronti della sorte della ragazza.

Molti in rete, nella speranza di tenere alta l'attenzione sul caso, hanno adottato l'immagine di Rossella come foto del profilo nei social network, facendo "voto" di non toglierla fino alla sua liberzione. Oggi, con molta gioia, torniamo alle nostre identità, quasi sentendo un senso di allontanamento da una persona cara. Ma, come già detto mesi fa nel Blogging Day per Rossella (lanciato da Sabrina Ancarola), Urru è stata un simbolo di pace, una speranza di miglioramento, perché ha rappresentato quel coraggio di voler cambiare il mondo dal basso,  producendo negli altri quella sana umanità che colpisce per empatia e che ha reso possibile per molti, oggi, il riscoprirsi capaci di commovuoversi dopo aver appreso che l'incubo di Rossella, dopo nove lunghi mesi, è finito.

Personalmente, ammetto di essermi sentita stupida e felice al tempo stesso nel vedere la pelle accaponarsi e sentire gli occhi riempirsi di lacrime nel leggere la notizia della conferma di Terzi. Ho pensato alla felicità (quella vera) dei parenti di Rossella e mi sono vista un po' come quei mitomani che cercano sempre di essere in prima fila negli eventi pubblici. Ma poi con grande gioia (e poco stupore) ho "incontrato" molte persone che avevano avuto la mia stessa emozione e ho capito che Rossella Urru in questi mesi ci ha regalato qualcosa che in questi tempi è un bene prezioso: un po' di sincera solidarietà collettiva.

Sarà stata l'espressione (visibile dalle foto) di chi prova gioia nel fare per gli altri o la semplice insofferenza nei confronti dell'ingiusto destino che punisce chi si dà, fatto sta che Rossella Urru è entrata nei cuori delle persone, facendosi spazio e lasciando qualcosa.

Rossella, ci ha reso un po' più umani e per questo, ringraziandola, le auguro di poter riabbracciare la sua famiglia, nella speranza che anche Lo Porto possa fare presto lo stesso.

Bentornata Rossella!

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat, la disoccupazione sale al 12,6% I senza lavoro sono 3,2 milioni

Mai così tante le persone in cerca di un impiego. Dalle rilevazione Istat emerge il calo degli inattivi che scendono al 35,9%

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La dura vita di uno scheletro

Tutto molto più difficile: dalla colazione agli appuntamenti. Per non parlare di Halloween
SHARE

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità