Una bufala l’attacco degli Anonymous alla polizia postale

Il materiale sottratto dalla LulzSecurity è falso. I cyberpirati sarebbero caduti in un tranello teso, probabilmente, dalle società che si occupano di sicurezza informatica. L’obiettivo era dimostrare l’inadeguatezza di chi adesso tutela il Centro nazionale anticrimine informatico. Ora il dibatti...

Anonymous Group Travel On The London Underground
1 Settembre Set 2011 1353 01 settembre 2011 1 Settembre 2011 - 13:53
...

Il cyberattacco condotto dalla LulzSecurity nel luglio scorso contro il Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche, che fa capo alla polizia postale, sarebbe una bufala. Anzi, molto peggio, un complotto. A sostenerlo sono gli Anonymous, che si sono accorti di come la quasi totalità degli otto gigabyte di dati sottratti all’azienda che fornisce assistenza tecnica al Centro sia in realtà un clamoroso falso.

C’era di tutto, tra i documenti resi pubblici dagli hacktivist su Twitter e Pastebin.com: dai rapporti confidenziali di agenti in servizio alle scansioni di documenti di identità di cittadini russi, indiani ed egiziani. Persino gli schemi del server del Cnaipic, l’organigramma e l’ubicazione dei suoi uffici, e ancora diverse immagini di poliziotti al lavoro, compresa una foto di gruppo che sembra estratta da una presentazione. Tutto, o quasi, falso. Come del resto sarebbe falsa anche l’intercettazione del carteggio segreto secondo il quale dal Brasile sarebbe partito un maxiversamento in denaro verso la diocesi cattolica di Hong Kong per aiutare l’ex premier ucraina Julija Tymošenko a fuggire all’estero per scampare all’“inevitabile incarcerazione imminente”, di fatto avvenuta poi il 5 agosto scorso.

Ma non si sarebbe trattato di una polpetta avvelenata lanciata ai cyberattivisti, bensì di un complotto volto a screditare l'immagine dello stesso Cnaipic, o meglio ancora delle realtà private che offrono al centro la loro consulenza, per farle apparire incapaci di badare alla sicurezza dei propri sistemi. L’obiettivo? «Favorire qualche altra società di websecurity privata, convinta di poter ottenere così qualche appalto multimilionario o qualche super commessa a sei zeri», rivela a Linkiesta uno degli stessi Anonymous. La cybersicurezza, da sempre terreno di ricco business, è diventata infatti di questi tempi una vera e propria miniera d'oro per gli addetti ai lavori. Ecco perché, secondo i cyberattivisti, a qualcuno avrebbe potuto far molto comodo eliminare dalla lizza qualche concorrente di primo piano.

«È ormai chiaro che qualcuno avesse intenzione di fare uno sgambetto al Cnaipic per favorire, a discapito delle società di consulenza private che collaborano con il centro, qualche altra società di web security privata», ci spiega la nostra fonte sicura all'interno del movimento. Il vero obiettivo del “complotto”, quindi, era il Cnaipic stesso. Gli Anonymous, anche loro caduti nel tranello, sarebbero stati solo l'inconsapevole strumento per far scattare la trappola.

Tra complotti, paranoie e web-figuracce internazionali, tra il popolo del web tira aria di scandalo. Già gran parte degli stessi Anonymous non aveva digerito l'attacco del 25 luglio scorso, condotto contro un'istituzione impegnata in prima linea nella lotta alla pedopornografia on-line e al terrorismo, e quindi, secondo l'etica hacker, “dalla parte dei buoni”, nonostante sia loro acerrima nemica su altri fronti. In più, la rivelazione: la maggior parte dei dati sensibili sottratti nel raid si rivela fasulla. Davvero un duro colpo per la credibilità dell'intero movimento, che ora si interroga sulla necessità di maggiore cautela per i prossimi attacchi, onde evitare ulteriori strumentalizzazioni interessate.

«Da settimane la comunità internazionale degli Anonimi discute della vicenda, e siamo sempre più convinti che questa sia la corretta lettura di quanto avvenuto: era in corso una battaglia tra le stesse società di websicurezza privata che abitualmente combattiamo, ma nostro malgrado ci siamo finiti in mezzo» ci spiega il nostro referente. «D’ora in avanti dovremo essere ancora più cauti. Sappiamo di avere nemici dappertutto, ma sicuramente non vogliamo diventare burattini nelle mani di questo o di quell’altro».

Potrebbe interessarti anche