Tra ipergarantiti e affamati, il disordine dei giornalisti

«Mettere i giornalisti nel calderone delle liberalizzazioni è sbagliato. Senza l’Ordine sarebbe la giungla», ha detto Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti. Eppure la professione sembra già una giungla, divisa ormai tra chi ha i diritti (ma solo il 19% degli iscritti ha ...

Giornalisti%20Cover
20 Gennaio Gen 2012 0730 20 gennaio 2012 20 Gennaio 2012 - 07:30

Come si diventa giornalista?
La professione è regolata dalla legge 69 del 1963. Non è necessaria la laurea, è sufficiente la licenza di scuola media superiore. I giornalisti si dividono in professionisti e pubblicisti. È professionista chi esercita in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista. È pubblicista chi svolge attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercita altre professioni o impieghi.

Giornalista professionista
Per diventare professionista e iscriversi nel relativo elenco, è necessario:

A) svolgere il praticantato (18 mesi presso una redazione giornalistica) o frequentare una scuola di giornalismo (biennale) riconosciuta dall’Ordine. Nel primo caso è necessario frequentare anche uno dei corsi di formazione o preparazione teorica (anche “a distanza”), della durata minima di 45 ore, promossi dal consiglio nazionale o dai consigli regionali dell’ordine

B) superare l’esame di idoneità professionale. Il praticante deve sostenere la prova di idoneità professionale entro 3 anni dalla data di iscrizione nel registro dei praticanti

Giornalista pubblicista
Per iscriversi nell’elenco dei pubblicisti è necessario aver svolto un’attività giornalistica continuativa e regolarmente retribuita, per almeno due anni e comprovarlo con elenco di articoli, giustificativi fiscali e dichiarazione del direttore responsabile su carta intestata.

I free lance
Chi è già iscritto all’albo come pubblicista e svolge attività giornalistica da almeno tre anni, con rapporti di collaborazione coordinata e continuata, con una o più testate qualificate allo svolgimento della pratica giornalistica, può chiedere al consiglio regionale dove risiede l’iscrizione al registro dei praticanti e sostenere l’esame. È obbligatoria l’iscrizione all’istituto di previdenza.

L’esame
Prevede una prova scritta e una orale.
Lo scritto (che solo dal 2009 viene svolto con il computer, in precedenza con la macchina per scrivere) consiste:
A) nella sintesi di un articolo in un massimo di 30 righe di 60 caratteri ciascuna, per un totale di 1.800 battute;
B) nello svolgimento di una prova di attualità e di cultura politico-economico-sociale riguardante l’esercizio della professione (questionari a risposta aperta);
C) nella redazione di un articolo su argomenti di attualità scelti dal candidato tra quelli, in numero non inferiore a sei (interni, esteri, economia-sindacato, cronaca, sport, cultura-spettacolo) proposti dalla commissione. L’articolo non deve superare le 45 righe da 60 caratteri ciascuna per un totale di 2.700 battute compresi gli spazi.
L’orale consiste in un colloquio diretto ad accertare la conoscenza di: elementi di storia del giornalismo; elementi di sociologia e di psicologia dell’opinione pubblica; tecnica e pratica del giornalismo; ordinamento giuridico della professione di giornalista e norme contrattuali e previdenziali; norme amministrative e penali concernenti la stampa; elementi di legislazione sul diritto di autore; etica professionale; elementi di diritto pubblico. Comprende anche la discussione di un argomento di attualità, liberamente scelto dal candidato e anticipato in forma scritta con una tesina (5500/6000 battute)

La Commissione d’esame
La commissione di esami è composta da due magistrati, designati dal presidente della Corte d’appello di Roma, e da cinque giornalisti professionisti, iscritti nel relativo elenco da non meno di dieci anni, non facenti parte del Consiglio nazionale o di Consigli regionali, dei quali almeno quattro esercitino la propria attività presso quotidiani, periodici, agenzie di stampa e presso un servizio giornalistico radiotelevisivo, in ragione di uno per ciascuno di detti settori di attività. Il segretario della commissione è scelto tra professionisti iscritti nel relativo elenco da almeno cinque anni.
La commissione non può esaminare un numero di candidati superiore a 400. Se supera lo scritto un numero superiore vengono create delle sottocommissioni.

Il ruolo dell’ordine
I Consigli
– provvedono alle iscrizioni all’Albo professionale e alle cancellazioni
– hanno poteri di vigilanza per la tutela del titolo di giornalista, in qualunque sede, anche giudiziaria, e contro l’esercizio abusivo della professione
– garantiscono l’osservanza delle norme di etica professionale, «vigilando sulla condotta e sul decoro degli iscritti» e adottando provvedimenti disciplinari nei confronti di coloro che si rendano colpevoli di fatti non conformi al decoro o alla dignità professionale o di fatti che compromettano la propria reputazione e la dignità dell’ordine
Le sanzioni sono:
l’avvertimento viene inflitto nel caso di abusi o mancanze di lieve entità e consiste nel richiamo del giornalista all’osservanza dei suoi doveri;
– la censura, è connessa ad abusi o mancanze di grave entità e consiste nel biasimo formale per la trasgressione accertata;
– la sospensione dall’esercizio professionale può essere inflitta nei casi in cui l’iscritto abbia compromesso, con la sua condotta, la propria dignità professionale;
–la radiazione è diretta a sanzionare la condotta dell’iscritto che abbia gravemente compromesso la dignità professionale sino a renderla incompatibile con la permanenza nell’Albo. La legge prevede la reiscrizione, su domanda dell’interessato, trascorsi cinque anni dal giorno della radiazione.

L’INPGI

Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani “Giovanni Amendola”. Attua la previdenza e l’assistenza in favore dei giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti titolari di un rapporto di lavoro subordinato di natura giornalistica e dei familiari a loro carico. È una fondazione dotata di personalità giuridica di diritto privato, soggetta alla vigilanza del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Provvede al
– trattamento di pensione di invalidità, vecchiaia, anzianità e superstiti;
– trattamento economico in caso di tubercolosi;
– trattamento in caso di disoccupazione;
– assegni per il nucleo familiare;
– trattamento in caso di infortunio;
– forme ulteriori di previdenza e assistenza

LA CASAGIT
Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani “Angiolo Berti”. È un’associazione di natura privata, a carattere nazionale e senza fini di lucro. È ispirata ai principi della mutualità e assicura ai soci e ai loro familiari un sistema integrativo al Servizio Sanitario Nazionale

LA FNSI
Federazione Nazionale della Stampa Italiana
È il sindacato nazionale unitario dei giornalisti italiani (federazione fra le associazioni regionali). Stipula i contratti collettivi di lavoro e assicurare ai giornalisti l’assistenza sindacale anche in collaborazione con le Associazioni Regionali di Stampa e le strutture sindacali aziendali (Comitati e fiduciari di redazione). 

Passa alle altre infografiche sulle liberalizzazioni:

Gli avvocati: «Liberalizzazioni volute dai poteri forti»

Ma perché è così difficile liberalizzare i taxi?

Farmacisti, la pillola amara delle liberalizzazioni

I notai, pochi e cari nell’Italia che non liberalizza

Decreto liberalizzazioni di Monti, ecco il pdf

 

 

 

Potrebbe interessarti anche