“I soliti fighetti”: l’Italia del calcio vista dal Guardian

Il quotidiano britannico ricostruisce la storia calcistica del nostro Paese in un video animato pubblicato sul suo sito internet. Un viaggio, divertente ed appassionante, nelle tragicomiche vicende della nazionale, dalla tragedia di Superga agli scandali del 2006 e del 2012. Ecco il video, reali...

Schermata 2012 06 09 A 10
9 Giugno Giu 2012 1052 09 giugno 2012 9 Giugno 2012 - 10:52

Scandali e vittorie: così potrebbe essere raccontata, in estrema sintesi, la storia calcistica dell'Italia. O almeno, così è come la vede il Guardian. Il quotidiano britannico, infatti, ha pubblicato sul proprio sito un video animato (in italiano e inglese) che narra il tragicomico percorso della nazionale azzurra attraverso Mondiali ed Europei, dagli esordi ai giorni nostri.

«Gli italiani, famosi per il loro stile rilassato, arrivano in ritardo anche per la Coppa del Mondo», ironizza il Guardian, ricordando come la Nazionale non avesse partecipato alla prima edizione del trofeo (1930). Nella divertente narrazione, opera di James Richardson, c'è spazio anche per i momenti più tristi della nostra storia: la seconda guerra mondiale e la tragedia di Superga.

Nel 1970 arrivano in finale «ma la ricevono in quel posto dal Brasile», racconta il newspaper, poi ci pensa «il mitico Paolo Rossi» a riportare in alto la Nazionale. Negli anni '80 ecco il primo scandalo delle partite truccate, poi nel '94 c'è Baggio - «costui del codino» - che «porta la squadra in finale ma canna il rigore decisivo».

Si arriva ai poco chapliniani tempi moderni, in cui «fortunatamente» l'Italia deve fronteggiare un nuovo scandalo «che ridà vigore alla squadra». La vittoria del 2006 è seguita «come da tradizione» da un nuovo insuccesso, quello del 2010. Ora è tempo di una nuova competizione e la Nazionale è alle prese con l'ennesimo caso legato al calcioscommesse. «Una buona notizia» che potrebbe dare all'Italia «la scintilla di cui ha bisogno per vincere quest'estate»?

Ecco il video.

Potrebbe interessarti anche