Se Facebook non vola in Borsa, la strategia è puntare sulla pubblicità

Mentre il titolo Facebook a Wall Street ha avuto quotazioni ben al di sotto delle aspettative, il social network ha introdotto una serie di novità riguardanti l’offerta degli strumenti di pubblicità mirati ad aumentare la quota di dollari guadagnati per utente attivo ma anche a far esplodere l’ad...

Facebook Like
16 Giugno Giu 2012 1818 16 giugno 2012 16 Giugno 2012 - 18:18
Tendenze Online

É trascorso un mese scarso dall’ingresso in borsa di Facebook, avviata con l’Ipo dello scorso 18 maggio. Mentre il titolo ha avuto quotazioni ben al di sotto delle aspettative e la società di Menlo Park sta anche affrontando una causa collettiva proprio legata alla quotazione, sono state introdotte una serie di novità riguardanti l’offerta degli strumenti di advertising che paiono proprio mirati ad aumentare la quota di dollari guadagnati per utente attivo ma anche a far esplodere l’advertising su mobile.

Il modello di business della piattaforma, infatti, si basa proprio sulla raccolta pubblicitaria, come ha dichiarato Luca Colombo, Country Manager di Facebook Italia, durante un l’evento di presentazione della ricerca “Brands & Social Media. Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia” realizzata da Digital Pr e OssCom – Centro di ricerca sui media e la comunicazione dell’Università Cattolica. Due in particolare sono le novità: gli “sponsored post” e “Facebook Exchange”, quest’ultimo ancora in fase di test. 

Gli sponsored post offriranno l’opportunità di promuovere un singolo post scritto sulla timeline della propria pagina che comparirà nell’angolo degli aggiornamenti in alto a destra della bacheca dei fan della pagina. La notizia sponsorizzata rimarrà in evidenza per tre giorni apparendo come “Promoted Story”. Il costo varierà in base al pubblico che si vuole raggiungere: 5 dollari per raggiungere 1.200 fan, 10 dollari per 2.300 fan e così via fino a un massimo di 300 dollari. Si potranno promuovere post scritti fino a 72 ore prima.

Facebook Exchange permetterà invece di rendere le inserzioni ancora più mirate per un target specifico. TechCrunch  descrive dettagliatamente il processo che in sintesi funzionerà in questo modo: quando un utente visita un sito che contiene Facebook Exchange, un processore di segnale digitale (Dsp) contrassegnerà il computer dell’utente con un cookie. Se l’utente non completerà l’acquisto, il Dsp comunicherà a Facebook l’ID anonimo dell’utente. In questo modo quando l’utente tornerà sul social network, il suo cookie verrà riconosciuto e sul suo profilo verrà mostrato un advertising nel frattempo caricato e adeguatamente profilato. Sempre l’articolo di TechCrunch precisa che l’utente potrà bloccare i cookie e in ogni caso non saranno combinati i dati raccolti con i cookie con quelli presenti sui profili. 

Queste due nuove opzioni vanno ad aggiungersi alle inserzioni e alle “sponsored stories”. Le inserzioni sono i riquadri che si visualizzano in alto a sinistra sulla propria bacheca e che contengono un’immagine corredata di brevi testi, mentre le sponsored stories sono le azioni degli utenti (come i like a una pagina) che vengono utilizzati per promuovere la pagina stessa nel circuito di amici di quell’utente. In entrambi i casi l’inserzionista ha la possibilità di scegliere il proprio target (età, sesso, interessi, etc.) sulla base delle proprie esigenze. Ad esempio, se Linkiesta vuole fare pubblicità su Facebook ha la possibilità di creare un’inserzione oppure scegliere di rendersi visibile attraverso il like dei suoi fan. Così se divento fan de Linkiesta ai miei amici verrà mostrato nel riquadro “sponsorizzate” “A Elisabetta piace Linkiesta”. Con il nuovo meccanismo potrà scegliere di promuovere un post che sembra particolarmente efficace oppure inserire il Dsp sul suo sito per raggiungere coloro che sono stati ad un passo dal sottoscrivere l’abbonamento ma non l’hanno fatto. 

Anche rispetto al mobile, come riporta Mashable, i cambiamenti non si sono fatti attendere: per l’acquisto delle sponsored stories per la versione mobile di Facebook non sarà più necessario passare attraverso il personale di vendita della compagnia, ma si potrà effettuare direttamente, dando spazio quindi anche ai piccoli investitori. Sarà possibile inoltre sceglierle se acquistarle per la versione mobile, desktop o entrambe. 

Un nodo problematico è la comprensione di come gli investimenti si trasformino in un ritorno economico. A corroborare l’interesse dei potenziali investitori pubblicitari, il 12 giugno Facebook e ComScore hanno presentato all'Advertising Research Foundation Conference a New York la ricerca “The Power of Like II”, che ha confermato il dato emerso nella sua prima edizione dell’esistenza di una correlazione fra l’essere amico di un fan e le abitudini di acquisto. L’esempio fatto è quello di Starbucks: i fan della catena e i loro amici nelle quattro settimane successive ai post su Facebook hanno acquistato con una frequenza maggiore del 38% (qui il white paper completo). 

Le aziende, quindi, saranno sempre più invitate a raccontare storie efficaci, promuovendo un modello di advertising diffuso in luoghi dove gli utenti si trovano per conversare e condividere interessi e passioni. «Le inserzioni su Facebook sono interessanti per le aziende ma dal lato degli utenti il rischio è che non li guardino perché avvertiti come invasive. Il fatto di sponsorizzare un post potrebbe destare la loro attenzione, così come mi sembra interessante l’utilizzo della homepage di Facebook dove si effettua il login con inserzioni pubblicitarie come ho visto fare in questi giorni da Volkswagen», spiega Patrizia Musso, docente di “Forme e strategie della comunicazione digitale” al Master IAB e ALMED in Comunicazione, Marketing Digitale e Pubblicità Interattiva e direttore di BrandForum.it.
 

Potrebbe interessarti anche