Usa, Italia, Spagna: ecco chi chiede più censura a Google

Sempre più Stati, Italia inclusa, chiedono a Google di rimuovere contenuti online, soprattutto politici. In testa ci sono gli Stati Uniti, con 6.192 richieste. Ma il motore di ricerca soddisfa meno di una richiesta su due. É tutto scritto nel "Transparency Report" del colosso di Mountain View.

Google Campus
18 Giugno Giu 2012 1049 18 giugno 2012 18 Giugno 2012 - 10:49
...

Quando nel 2010 Google ha iniziato a pubblicare il suo "Transparency Report", cioè il rapporto che dettaglia le domande di rimozione di contenuti dai servizi del colosso di Mountain View da parte dei governi, l'azienda ha reso noto al pubblico che parte delle circa mille richieste riguardava contenuti politici. Oggi all'analista Dorothy Chou non restano molti dubbi: «Speravamo fosse un'aberrazione. Ora sappiamo che non lo è», scrive nel post sul blog ufficiale di Google che ne presenta la quinta edizione, appena pubblicata.

Non è il numero di richieste provenienti dalle autorità di tutto il mondo a essere definito «preoccupante»: tra le 1.062 riguardanti il periodo luglio-dicembre 2009 e le 1.028 tra luglio e dicembre 2011 (i dati resi noti in queste ore) non c'è una differenza sostanziale. A preoccupare è che il tentativo di ottenere censure a sfondo politico è divenuta la regola, più che l'eccezione. «È allarmante non solo perché la libera espressione è a rischio», nota Chou, «ma perché alcune di queste richieste provengono da paesi insospettabili, democrazie occidentali tipicamente non associate alla censura».

Dalla Spagna, per esempio, la cui authority per la protezione dei dati ha tentato di ottenere la rimozione di 270 risultati di ricerca collegati ad articoli di stampa e post su blog che facevano riferimento a «individui e personaggi pubblici, compresi sindaci e pubblici ministeri». Google, che l'alta corte spagnola ha portato di fronte alla giustizia europea proprio sul tema del diritto all'oblio, non ha obbedito. Ma anche dagli Stati Uniti, dove le richieste di rimozione sono aumentate addirittura del 103% rispetto al rapporto precedente: un incremento che non ha paragoni nel resto del mondo e che si sostanzia nel tentativo di far sparire dal web, tra gli altri, 218 siti ritenuti diffamatori e 1.400 video su YouTube per presunte molestie. Un totale di 6.192 contenuti da rimuovere in 187 richieste diverse, cui Google ha ottemperato in meno di un caso su due.

Richieste di censura 'democratica' anche dalla Polonia (negate), dal Regno Unito (cinque account YouTube rimossi – 640 video – per «promozione del terrorismo») e dalla Germania, dove le agenzie governative hanno ottenuto l'eliminazione di 898 risultati di ricerca contenenti critiche nei loro confronti giudicate dalla giustizia «non credibili». In Canada la richiesta più stravagante: censurare un video su YouTube di un cittadino intento a urinare sul passaporto e mandarlo giù per lo sciacquone. Anche alle potenze emergenti piace la censura politica. In Brasile quattro profili legati alla campagna elettorale sono stati eliminati su richiesta della giustizia, mentre in India – dove Google è a processo contro il governo proprio per la responsabilità del monitoraggio dei contenuti online – si è registrato un incremento delle richieste del 49 per cento. Giungono poi le prime richieste anche da quattro paesi che non l'avevano mai fatto prima, e cioè Bolivia, Repubblica Ceca, Ucraina e Giordania. E in Tailandia il reato di lesa maestà ha costretto Google a impedire l'accesso a un centinaio di video all'interno del Paese.

Quanto all'Italia le richieste di rimozione sono state 28, per un totale di 96 contenuti (68 sono video su YouTube), ma – contrariamente al rapporto precedente – non ci sono stati tentativi di censurare video satirici sulle disavventure sessuali dell'ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Il tentativo era, in ogni caso, fallito.

Nel rapporto vengono dettagliate anche le richieste governative di ottenere dati – per esempio, l'indirizzo ip - sugli utenti che si collegano ai servizi di Google. Come nota Andy Greenberg su Forbes, anche qui le cifre sono in aumento: negli Stati Uniti, si registra un più 37% rispetto allo stesso periodo del 2010 (e più 76% rispetto al 2009); nel resto del mondo, in un anno si è passati da 9.600 a 11.936. Il tasso di accettazione è molto più alto negli States (93%) che altrove (64% nel Regno Unito, 45% in Germania). Come spiega Chou a Greenberg, per essere accettate le richieste devono essere in forma scritta, provenire dall'autorità competente, riguardare un crimine ed essere sufficientemente precise rispetto agli utenti e al lasso temporale interessati.

Un'ultima sezione riguarda le richieste di rimozione di contenuti per violazione del diritto d'autore online. Le richieste di rimozione di url sono – come si vede dal grafico riportato qui sotto – in pressocché costante aumento e sono state oltre 1,8 milioni solo nell'ultimo mese. Il maggior numero di richieste di rimozione riguarda, com'era facile prevedere, siti di filesharing come Filestube (103 mila), Extratorrent (50 mila) e Bitsnoop (42 mila).

Schermata 2012 06 18 A 12

Il rapporto di Google ha il merito indubbio di ricondurre il dibattito sulla censura online a numeri e fatti, piuttosto che a speculazioni e questioni di principio. Un esempio che molte altre aziende, Facebook su tutte, potrebbero seguire per rendere più trasparente il loro rapporto con gli iscritti, e con i loro diritti fondamentali. Twitter lo ha fatto quando ha annunciato di documentare su un apposito sito la censura selettiva dei tweet su base locale, e il caso della sua resistenza alle richieste del governo pakistano – costato un temporaneo blackout del servizio – dimostra che sta facendo sul serio. Ma c'è anche chi chiede di più, anche a Google. Che «è stato criticato per non avere rivelato molto circa la sua presunta partnership con la National Security Agency dopo un attacco cinese ai suoi sistemi nel 2010», scrive Greenberg. E l'azienda non ha ancora preso una posizione su Cispa, la norma sulla cybersicurezza che renderebbe lo scambio di dati tra gli intermediari e le agenzie governative molto più semplice, nota ancora. Troppo, secondo i tanti critici. Anche su questo la trasparenza non può che far bene.

Potrebbe interessarti anche