Prendere il sole nudi e diventare un'opera d’arte

John Crawford, artista neozelandese, racconta a Linkiesta.it com'è nato il suo ultimo progetto, Aerial Nudes, una serie di scatti che immortalano una modella dall'elicottero. «Tutto è in analogico e senza Photoshop», ha spiegato Crawford, che sta già lavorando al seguito del progetto: protagonist...

John Crawford5
28 Giugno Giu 2012 1556 28 giugno 2012 28 Giugno 2012 - 15:56
...

«Sono sempre stato affascinato dalle visuali dall'alto e dalle prospettive verticali. Gran parte del mio lavoro come fotografo pubblicitario negli anni '80 prevedeva l'uso di elicotteri», spiega John Crawford a Linkiesta.it. Il fotografo neo-zelandese, uno dei più conosciuti del Paese, ha realizzato una serie di scatti incredibili che mescolano nudo, paesaggio e architettura.

«Ogni immagine di questi Aerial Nudes è stata pianificata nei minimi dettagli e ha richiesto una lunga preparazione. Dapprima ho cercato i luoghi più adatti per realizzare gli scatti, ho fotografato le location a bordo di un piccolo aeroplano, ho stampato le immagini ed ho iniziato a disegnare con una penna il corpo della modella, nel tentativo di trovarne la giusta collocazione».

«In alcuni casi è stato più complesso che in altri», prosegue Crawford. «Ad esempio, per scattare la fotografia del campo arato è stato necessario procurare un trattore rosso nuovo di pacca, trovare un pezzo di terreno coltivabile e convincere il contadino a realizzare un'aratura conforme alle mie esigenze».

«Ogni giorno ho portato Carina nella location scelta, l'ho posizionata con cura, poi mi sono alzato in volo con l'elicottero fino ad un'altitudine di 600 piedi (circa 180 metri) e ho scattato l'immagine, cosa che mi ha occupato non più di dieci minuti. Per ragioni logistiche sono riuscito a realizzare un solo scatto a giornata», racconta il fotografo. «Tutte le immagini sono state scattate con un clima nuvoloso per ottenere una luce lieve e ben distribuita. Il sole avrebbe creato delle ombre, e non volevo distrarre lo spettatore dal soggetto».

Tutti gli "Aerial Nudes" sono stati scattati su pellicola 35 millimetri a colori, utilizzando una macchina fotografica Nikon F3 con un obbiettivo 180 mm. «Non ho usato Photoshop e ho stampato le immagini in prima persona», spiega Crawford. «Al momento sto pianificando una nuova serie di fotografie aeree utilizzando mia figlia Amelia come modella. Il primo scatto la ritrae sdraiata sopra ad un 747».

Per vedere tutte le foto di Aerial Nudes: ecco la galleria sul sito ufficiale del fotografo.

Articoli correlati