Vittime innocenti, gli scatti che raccontano la guerra dei bambini

Marco Luchetta, Alessandro Ota, Dario D'Angelo e Miran Hrovatin sono morti nel 1994. Uccisi, a Mostar e a Mogadiscio, mentre facevano il loro lavoro di giornalisti e cameraman. Dal 2004, a Trieste, la città dove sono nati, c'è un premio giornalistico che li ricorda ogni anno. Ecco alcune delle fo...

11 Grassani Rid
10 Luglio Lug 2012 1511 10 luglio 2012 10 Luglio 2012 - 15:11
...

Marco Luchetta, Alessandro Ota, Dario D'Angelo e Miran Hrovatin sono morti nel 1994. Uccisi, a Mostar e a Mogadiscio, mentre facevano il loro lavoro di giornalisti e cameraman. Dal 2004, a Trieste, la città dove sono nati, c'è un premio giornalistico che li ricorda ogni anno, dedicato agli operatori dell'informazione che meglio hanno saputo svolgere, con il loro lavoro, un'opera di sensibilizzazione verso quei valori che avevano ispirato la professione di Marco, Alessandro, Dario e Miran. 

È un premio di giornalismo che approfondisce le tragedie che coinvolgono le popolazioni. Con una considerazione particolare per i bambini. La troupe Rai assassinata nel '94 da una granata a Mostar, composta da Luchetta, Ota e D'Angelo, stava girando infatti un servizio sulle condizioni dell'infanzia bosniaca nella durissima guerra dell'ex Jugoslavia. 

Ecco alcune delle foto in concorso per la sezione Miran Hrovatin, riservata ai fotoreporter per la migliore fotografia, vinta da Alessandro Grassani. Per le altre categorie, il 12 luglio verranno premiati Fergal Keane (televisione), Giancarlo Oliani (quotidiani e periodici), Elio Colavolpe (telecineoperatori) e Josè Miguel Calatayud (quotidiani e periodici non italiani). 

Articoli correlati