E ora Beppe Grillo vuole espellere chi ha votato Grasso

Post al curaro sul blog

17 Marzo Mar 2013 0715 17 marzo 2013 17 Marzo 2013 - 07:15

Ha aspettato fino a sera, poi Beppe Grillo non ce l’ha fatta più e ha pubblicato sul suo blog e su Facebook un post di fuoco, dopo quanto successo al Senato, con parte dei senatori M5S che, grazie anche al voto segreto, ha disatteso le direttive del Movimento e invece che astenersi ha votato a favore del Pd Pietro Grasso nel ballottaggio contro il Pdl Renato Schifani per la presidenza. Scrive Grillo:

Nella votazione di oggi per la presidenza del Senato è mancata la trasparenza. Il voto segreto non ha senso, l'eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo è vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di più. Per questo vorrei che ogni senatore del M5S dichiari come ha votato.
Nel “Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento” sottoscritto liberamente da tutti i candidati, al punto Trasparenza è citato:
- Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S.
Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze.

Significativo che, su Facebook, i commenti superino (entrambi già oltre quota ottomila nella prima mattinata) i like al post di Grillo. Molti polemizzano con il capo. “Ora basta, dovevamo far vincere Schifani?”.

LEGGI ANCHE:

“Io, senatore a 5 stelle, al Senato ho votato Grasso”

Se certi grillini preferiscono la democrazia a Grillo

 

Potrebbe interessarti anche