Boom di vendite per 1984 di Orwell dopo lo scandalo Usa

L’incipit del romanzo

1984Georgeorwellbookshepardfaireycoverpaperback
12 Giugno Giu 2013 0706 12 giugno 2013 12 Giugno 2013 - 07:06

Scrive il Wall Street Journal che il romanzo dell’estate sarà 1984 di George Orwell. Questo perché, dopo che è iniziato lo scandalo legato al sistema di analisi dei dati e delle telefonate PRISM elaborato dalla NSA, l’agenzia di sicurezza nazionale Usa, Amazon ha registrato un aumento delle vendite del 7000 per cento.

Il titolo, uscito 64 anni fa, era - nella classifica di Amazon - al 13,074 posto delle vendite e ora è nella Top200. Diverse edizioni sono anche nella classifica dei “movers & shakers” dedicata ai volumi che hanno riscosso interesse di recente. E se è vero che il libro è nelle liste scolastiche dei libri da leggere, sempre secondo il WSJ che ha intervistato Elizabeth Keenan, portavoce di Plume (imprint della Penguin) un aumento delle vendite del genere è atipico.

George Orwell, 1984

Era una luminosa e fredda giornata d’aprile, e gli orologi battevano tredici colpi. Winston Smith, tentando di evitare le terribili raffiche di vento col mento affondato nel petto, scivolò in fretta dietro le porte di vetro degli Appartamenti Vittoria: non così in fretta tuttavia, da impedire che una folata di polvere sabbiosa entrasse con lui.

L’ingresso emanava un lezzo di cavolo bollito e di vecchi e logori stoini. A una delle estremità era attaccato un manifesto a colori, troppo grande per poter essere messo all’interno.
Vi era raffigurato solo un volto enorme, grande più di un metro, il volto di un uomo di circa quarantacinque anni, con folti baffi neri e lineamenti severi ma belli. Winston si diresse verso le scale. Tentare con l’ascensore, infatti, era inutile. Perfino nei giorni migliori funzionava raramente e al momento, in ossequio alla campagna economica in preparazione della Settimana dell’Odio, durante le ore diurne l’erogazione della corrente elettrica veniva interrotta.

L’appartamento era al settimo piano e Winston, che aveva trentanove anni e un’ulcera varicosa alla caviglia destra, procedeva lentamente, fermandosi di tanto in tanto a riprendere fiato. Su ogni pianerottolo, di fronte al pozzo dell’ascensore, il manifesto con quel volto enorme guardava dalla parete. Era uno di quei ritratti fatti in modo che, quando vi muovete, gli occhi vi seguono. IL GRANDE FRATELLO VI GUARDA, diceva la scritta in basso. All’interno dell’appartamento una voce pastosa leggeva un elenco di cifre che avevano qualcosa a che fare con la produzione di ghisa grezza. La voce proveniva da una placca di metallo oblunga, simile a uno specchio oscurato, incastrata nella parete di destra. Winston girò un interruttore e la voce si abbassò notevolmente, anche se le parole si potevano ancora distinguere. Il volume dell’apparecchio (si chiamava teleschermo) poteva es-sere abbassato, ma non vi era modo di spegnerlo. Si diresse alla finestra, piccola fragile figuretta, la cui magrezza era accentata dalla tuta azzurra in cui consisteva l’uniforme del Partito. I capelli erano biondi, molto chiari, il colorito faccia lievemente sanguigno, la pelle raschiata da ruvide saponette e da lamette che avevano perso il filo da tempo, e dal freddo dell’inverno che proprio allora era finito.

Potrebbe interessarti anche