Priebke, il testamento choc: “non mi pento di niente”

La morte del “boia delle Ardeatine”

000 Par1375074 0
11 Ottobre Ott 2013 1530 11 ottobre 2013 11 Ottobre 2013 - 15:30
...

Erich Priebke, il “boia delle Fosse Ardeatine”, morto oggi a Roma all’età di 100 anni, ha lasciato un testamento “umano e politico”. Lo ha diffuso il suo avvocato, Paolo Giachini, che ne aveva anticipato l’esistenza alla stampa, assieme a quella di un video. 

La lettera, pubblicata qui sotto, mostra il cinismo di un uomo che a decenni di distanza dall’eccidio delle Fosse Ardeatine non rinnega alcunché del suo passato. Priebke fu condannato nel 1998 all’ergastolo, dopo 50 di latitanza in Argentina, per aver partecipato alla pianificazione e alla realizzazione di una strage in cui furono uccisi 335 civili. 

Nella lettera-testamento Priebke nega l’esistenza delle camere a gas nei lager nazisti, ritiene “normale” in anni di guerra rinchiudere popolazioni civili in campo di concentramento, definisce “incredibile” e “disgustoso” il processo di Norimberga e rimarca le accuse di usura e arricchimento a spese dei tedeschi di cui furono oggetto gli ebrei durante il Terzo Reich. 

Un documento che decidiamo di pubblicare a testimonianza di come 70 anni dopo il demone dei totalitarismi e del razzismo antisemita non sia estirpato e vada ancora combattuto con forza. 

Image

Lettera Priebke2

Lettera Priebke3

Lettera Priebke4

Lettera Priebke5

Lettera Priebke6Lettera Priebke7

Potrebbe interessarti anche