Natura, storia e cucina: bellezze da non perdere in Trentino Alto-Adige

Dalla Val di Non fino alla provincia di Bolzano, ecco alcuni suggerimenti per un breve itinerario alla scoperta di alcune località da non perdere

Itinerario Trentino Foodscovery
30 Luglio Lug 2015 1300 30 luglio 2015 30 Luglio 2015 - 13:00
Messe Frankfurt
WebSim News

Con l’arrivo del caldo estivo, soprattutto quando questo si fa opprimente, il pensiero vola spesso all’aria di montagna e al refrigerio che è possibile trovare all’ombra delle splendide montagne del nostro paese. Il Trentino Alto-Adige, regione settentrionale dell’area del Triveneto, poco popolosa ma ricca di bellezze naturali e paesaggi mozzafiato, è da sempre in prima fila tra le regioni preferite per trascorrere rilassanti periodi di vacanza.

Dalla Val di Non fino alla provincia settentrionale di Bolzano, ecco alcuni suggerimenti per un breve itinerario alla scoperta di alcune località da non perdere del Trentino Alto-Adige, tra natura, storia e, ovviamente buona cucina. Perché mangiar bene e scoprire le specialità gastronomiche tipiche della zona è qualcosa di assolutamente irrinunciabile in un viaggio.

Dalla Val di Non fino alla provincia settentrionale di Bolzano, ecco alcuni suggerimenti per un breve itinerario alla scoperta di alcune località da non perdere del Trentino Alto-Adige

L’ampiezza della Val di Non, anticamente chiamata Anaunia, la rende particolarmente soleggiata e adatta alla coltivazione di frutta grazie al clima temperato. Sul versante orientale si trova Smarano, meta ideale per lunghe e riposanti passeggiate tra il verde dei pascoli e i boschi di conifere. Zona di grande vocazione rurale e agricola, non a caso è la sede di due importanti aziende: l’attività dei Fratelli Corrà, iniziata nel 1850 con la produzione di salumi e portata avanti di generazione in generazione, e l’ultima impresa di Alessio Brusadin , vulcanico chef friulano che ha deciso di stabilirsi proprio qui per produrre confetture e ragù a base di prodotti locali di altissima qualità.

Tra un’escursione e l’altra negli splendidi paesaggi che contraddistinguono la Val di Non, dunque, non può mancare qualche assaggio delle specialità della zona che potete trovare anche su Foodscovery: innanzitutto la Mortandela della Val di Non, salume tipico della regione, preparato secondo l’antica ricetta dei Corrà, e l’ottimo Speck Riserva Roen, dolce e aromatico. Interessanti da provare sono anche i Würstel naturali Smaraner dai gusti particolarissimi come quello dicervo e mirtilli e l’apprezzato lardo di Smarano al vino Groppello, da provare sopra i crostini di polenta.

Continua a leggere su Foodscovery Magazine

Potrebbe interessarti anche