Brexit, chi rimane ottimista ha tutto da guadagnarci

C’è troppo pessimismo sulle conseguenze dell’uscita dell’Ue del Regno Unito, spiega il presidente di Banca Mediolanum. In realtà i rapporti con Londra non si interromperanno e gli investitori che guardano lontano, come Warren Buffet, sanno che nel lungo periodo le prospettive sono buone

Londra Big Ben

(NIKLAS HALLE'N/AFP/Getty Images)

29 Giugno Giu 2016 1622 29 giugno 2016 29 Giugno 2016 - 16:22

Prendi un fatto che tutti giudicano negativo, e agisci per far sì che per te sia positivo.

Credo che questa sia la prima lezione che ognuno di noi può portarsi a casa dopo gli esiti del referendum che si è tenuto nel Regno Unito e che ha visto gli elettori inglesi scegliere per la #Brexit, l’uscita dall’Unione Europea. Non dobbiamo affrontare ciò che ci accade in maniera passiva, è giusto fare le proprie valutazioni – economiche, sociali, politiche – ma è altrettanto doveroso riflettere su ciò che accade dal nostro punto di vista, con gli occhi del genitore, della moglie, del marito, di una persona che cioè vive sulla sua pelle i grandi fatti del mondo. E dopo aver valutato, occorre agire, affinché si possa trovare una via che per noi possa essere considerata positiva.

Lezione 1: agisci positivo


È un po’ come la vecchia teoria del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, dipende da che parte lo guardi. Ecco, per molti i giorni scorsi sono stati quelli dello stupore e della paura, specie a vedere i mercati finanziari scendere, la sterlina deprezzarsi, gli analisti urlare al disastro. Che io sia ottimista non è una novità, è nella mia indole e nella mia storia, ma l’ottimismo è però sempre connesso a un’analisi dei dati. Ricordate altri grandi eventi che hanno decretato pesanti crolli delle Borse? Le Torri Gemelle. Il fallimento della banca d’affari Lehman Brothers. Ecco, sapete cosa è accaduto a chi aveva denaro investito e diversificato nell’Economia Globale come noi suggeriamo? Nel tempo non solo è riuscito a risalire ma è anche aumentato di valore. Agire allora, e agire positivo, è il modo per non smettere di crescere ed è quanto ho imparato nel tempo e ricordato in questi giorni.

Lezione 2: guarda lontano


Warren Buffet, il più grande investitore vivente, ha due concetti utili per noi: «Non chiedetemi quella che sarà la situazione dei mercati tra un anno, non la conosce nessuno. Chiedetemi quale sarà tra dieci o vent’anni, vi dico che sarà migliore di oggi».

E io so per esperienza che è così, e questo è il primo.

«Dobbiamo guardare alle fluttuazioni dei mercati come amiche, perché ci consentono di investire a prezzi molto favorevoli», e questo è il secondo.
Credo che questa situazione ci debba passare però qualcosa capace di andare oltre al solo aspetto economico-finanziario: dobbiamo imparare a non lasciarci travolgere dagli eventi, a saper accogliere le notizie e poi a analizzarle e dominarle guardando non solo all’oggi ma a periodi di più lungo respiro. Questa è la seconda lezione che mi porto a casa dalla settimana della #Brexit.

Lezione 3: rispetta il tempo

Le stesse previsioni catastrofiche che ascoltiamo in questi giorni erano state fatte alla nascita dell’euro, con il Regno Unito che non adottò la moneta comune. La storia ha dimostrato che queste previsioni non si sono verificate. È una bufera, quella odierna, che passerà: ci sono due anni di tempo per discutere, per rivedere i trattati, poi magari altri periodi se non raggiungeranno l’accordo. Nel frattempo tutto va avanti, il Regno Unito rimane parte dell’Unione Europea, esattamente come adesso. Capite bene che dobbiamo cogliere un altro segno, un’altra lezione: il tempo è una condizione fondamentale per dare più o meno peso e valore a ciò che ci accade attorno. Impariamo a usarlo, a rispettarlo, a comprendere che solo lasciando che passi possiamo davvero dare un senso alle cose che altrimenti, viste nell’immediato, ci sembrano inaffrontabili.

Continua a leggere su Centodieci

* presidente di Banca Mediolanum

Potrebbe interessarti anche