La grande ipocrisia dei politici sugli stipendi Rai

Tutta l’operazione trasparenza rischia di diventare, come dice Carlo Freccero, "una tanica di benzina nella foresta". Soprattutto per la questione concorrenza. Ma il fronte della polemica si allarga fino a toccare il tetto, e va a interessare tutte le partecipate

1860906413 C75e7ee24b B
27 Luglio Lug 2016 1215 27 luglio 2016 27 Luglio 2016 - 12:15

Ci sarà un motivo se l’unico broadcaster europeo che pubblica in rete stipendi e compensi di dirigenti e giornalisti è la BBC. E ci sarà un motivo se tutti gli altri servizi televisivi statali, da France2 a Ard e Zdf, non lo fanno. Il motivo è semplice: la BBC è l’unico servizio televisivo pubblico che si finanzia esclusivamente con il canone di abbonamento, mentre tutti gli altri sono finanziati anche dalla pubblicità e devono perciò competere con il mercato. Tutto il casino cui stiamo assistendo per l’avvio dell’operazione trasparenza è dovuto al tentativo della Rai, primo network pubblico che si finanza anche con la pubblicità, di inaugurare nuove regole. La controprova è che, restando al modello BBC, nemmeno il broadcaster britannico pubblica i cachet degli artisti, proprio perché significherebbe fornire informazioni sensibili ai concorrenti delle tv commerciali. Come ha osservato Carlo Freccero, “non si è capito che questa operazione è come una tanica di benzina in una foresta”.

L’ipocrisia della politica. Ne abbiamo un esempio clamoroso nello spettacolo di Pd e M5S che si rinfacciano l’approvazione di leggi contraddittorie con l’esigenza della spending review e della trasparenza. Da una parte il cavillo che, attraverso l’emissione di un titolo di debito (bond), consente alla Rai di aggirare il rispetto del tetto dei 240 mila euro (voluto dal Pd e osteggiato dai grillini), dall’altra l’impegno per il Piano trasparenza (perseguito dai dem e non dal M5S). Ma la cattiva coscienza dei politici, a cominciare dal premier Renzi se sono vere le indiscrezioni di presa di distanza dai vertici Rai, si esplicita nella corsa generalizzata a scaricare sugli attuali amministratori responsabilità che vengono da lontano. Ovvero da altre “ere geologiche della lottizzazione” nelle quali i partiti hanno usato la Rai per soddisfare appetiti di potere, piazzando amici e parenti, e imponendo connivenze e condiscendenze in favore della propria propaganda. A questo si devono le attuali posizioni di ex dirigenti e giornalisti parcheggiati (Lorenza Lei, Alfredo Meocci, Mauro Mazza, Anna La Rosa,Francesco Pionati, per citarne solo alcuni) che percepiscono compensi sopra i 200mila euro senza fare nulla e trovandosi ora, genericamente, “a disposizione del direttore generale”. E a questo si devono, per converso, situazioni come quella di Carmen Lasorella, inutilizzata perché estranea alle logiche dei “gigli magici”. Ora ci si stracciano le vesti, che scandalo signora mia! Si convocano i vertici aziendali all’Autorità nazionale per l’anticorruzione e in Commissione di Vigilanza – che è proprio lo strumento attraverso il quale si è perpetrata la lottizzazione – e si pretendono miracolosi risanamenti di situazioni frutto di metodi che per secoli hanno premiato criteri di appartenenza e fedeltà a scapito del merito e della competenza.

Ora c’è chi vuole reintrodurre il tetto degli stipendi pubblici dopo che appena un anno e mezzo fa si è approvata la norma che permetteva di aggirarlo. Domanda: si fa un trattamento speciale solo per la Rai, colpevole di aver inaugurato l’operazione trasparenza? E le altre aziende a partecipazione statale (Eni, Enel, Poste, Ferrovie, Finmeccanica) restano libere di oltrepassare i limiti? Improvvisamente, si vogliono risolvere le situazioni anomale pur sapendo che i tanti contenziosi vengono da lontano e quasi sempre si chiudono in favore dei dipendenti. Domanda: li affrontiamo caso per caso come si sta già facendo cercando una soluzione condivisa, o si pensa ad inaugurare una legge retroattiva?

CONTINUA A LEGGERE SU CAVEVISIONI.IT

Potrebbe interessarti anche