Quando Topolino andò alla conquista del Giappone (e venne respinto)

I giapponesi non hanno sempre amato la Disney. Anzi, negli anni ’30 era, per loro, fumo negli occhi. Espressione di malefico imperialismo da respingere con altri cartoni animati e altre tradizioni popolari: le loro

Schermata 2016 09 22 A 13
23 Settembre Set 2016 0811 23 settembre 2016 23 Settembre 2016 - 08:11

Ci fu un tempo in cui il Giappone odiava la Disney. Meglio: considerava Topolino espressione del male imperialista (che poi, a pensarci, è la verità). Nemico da combattere, invasore da respingere, minaccia da sventare. A ripensarci ora, viene quasi nostalgia. I giapponesi erano così convinti che, addirittura, fecero anche un cartone animato anti-Mickey Mouse. Era il 1934 (ma il film è ambientato, chissà perché, nel 1936) e Pearl Harbor era poco distante nel futuro, ma i due Paesi già non si volevano molto bene.

Nel cartone animato (dal titolo molto lungo: Ehon senkya-hyakusanja-rokunen), realizzato da Komatsuzawa Hajime, si vede un’isoletta di simpatici gattini che viene messa sotto attacco da un esercito di Topolin. Tanti Mickey Mouse che arrivano armati di mazze e assistiti da coccodrilli e serpenti pronti alla conquista.

Come si difendono i poveri gattini? Chiamando in loro aiuto gli eroi della tradizione popolare giapponese: Momotaro e Kintaro, ad esempio, e poi Issun-boshi e Benkei, il monaco guerriero. La battaglia è all’ultimo sangue e, alla fine, trionfa il bene. Cioè, il Giappone.

Il sottotesto anti-colonialista (“la nostra tradizione culturale è più antica e più interessante della vostra, maledetti yankee”) è chiaro. Lo sforzo nazionalista evidente. Ma purtroppo la storia è andata in una maniera diversa: il Giappone e gli Usa si sono scontrati davvero, gli Usa hanno vinto (con tanto di bombe atomiche), il Giappone ha perso. E Topolino è sbarcato, in trionfo, sull’arcipelago.

Potrebbe interessarti anche