Il pensiero binario è morto: l'armonia è nell'incontro degli opposti

Bisogna sporcarsi le mani per riuscirci, ma dobbiamo smettere di pensare meccanicamente e combinare le due estremità, trovare il punto di equilibrio

Yoga
30 Settembre Set 2016 1000 30 settembre 2016 30 Settembre 2016 - 10:00
Tendenze Online

Prendete tutte queste cose. La mente e il corpo. Il biologico e il tecnologico. Il femminile e il maschile. La natura e i prodotti creati da noi umani. Il libero mercato e l’attenzione per chi non se la passa bene. La voglia di pace e la capacità di forza. Le relazioni su Facebook e le relazioni dal vivo. Il dubbio e l’azione. La cultura e l’eccitazione. Il senso di responsabilità e il senso del gioco. L’ambiente in cui cresciamo e il nostro codice genetico. La condivisione con gli altri e il senso di sé. L’apertura accogliente e la durezza contro chi vuole infrangere i valori. Il lavoro e il privato.

Ok, mi fermo qui anche perché sono certo che a questo punto voi avrete messo a fuoco altre mille di queste situazioni in ogni angolo della vostra esistenza. Bene, nel mezzo di ognuna di queste coppie ho messo una e. Attenzione: una e, non unao. Non il “questo o quello” della mente binaria, ideologica, meccanica. Ma il questo e quello della mente biologica e coevolutiva. Perché tutta la nostra esistenza – in ogni suo aspetto – ruota intorno a due grandi poli (yin e yang, siamo sempre lì), e nello stesso metabolismo della vita tutto funziona così (sistole e diastole, inspirazione ed espirazione).

Tutta la nostra esistenza ruota attorno a due grandi poli - yin e yang - e nello stesso metabolismo della vita tutto funziona così

Quando allora dico che dobbiamo smantellare la mente binaria, meccanica, ideologica, e attivare una mente biologica e coevolutiva, non sto parlando di astratti principi filosofici: sto parlando della nostra esistenza, di come valorizzarla, di come viverla in tutta la sua pienezza. Perché tutto funziona quando le due polarità noi siamo capaci di combinarle, di costruire fra esse una superiore armonia.

Armonia è una parola che suona bellissima: ma se la riduciamo a pacifica favoletta retorica, allora le facciamo il peggiore dei torti. Una superiore armonia non la si crea al riparo dalle contraddizioni, non è una beata oasi di benessere: una superiore armonia è il risultato tanto di elettive simbiosi quanto di scontri, tanto di sublimi fusioni quanto di lavoro duro. Una superiore armonia la si crea sporcandosi le mani. Quella e nel mezzo fra un polo e l’altro non è una semplice somma ma una moltiplicazione, dove nuovi organismi si creano modificando se non eliminando certe parti piuttosto che altre. È così in una vera grande storia d’amore, è così nella crescita dei propri figli, in una squadra e in una qualunque impresa.

Continua a leggere su centodieci.it

Potrebbe interessarti anche