Piccole pillole per essere più felici e allontanare lo stress

Prendersi cura del proprio corpo, allontanarsi dalle tecnologie, dormire il giusto: forse non esistono ricette per la felicità, ma buoni consigli sì

Woman 570883 960 720
12 Ottobre Ott 2016 1030 12 ottobre 2016 12 Ottobre 2016 - 10:30
Tendenze Online

Nell’articolo precedente abbiamo iniziato il percorso tracciato da Action for Happiness verso una vita più felice. Le prime due “chiavi” erano Dare e Relazionarsi. Oggi ne presentiamo altre due: Fare esercizio e Apprezzare.

EXERCISING (FARE ESERCIZIO) – Anche se siete dei pigri incalliti, almeno una volta nella vita avrete provato una dieta o a fare un po’ di esercizio fisico… Come vi sentivate in quel periodo? Avrete sentito spesso il detto Mens sana in corpore sano, ma no, non è una leggenda metropolitana: è la verità. Quando ci prendiamo cura del nostro corpo ci sentiamo meglio e di conseguenza siamo più felici.
Questa chiave identificata da Action for Happiness non riguarda solo fare esercizio fisico, iscriversi in palestra, iniziare a correre… Va interpretata in senso più ampio, come un’attenzione che dedichiamo, in maniera costante, alla cura del nostro corpo. Un corpo in salute deriva da tanti fattori: mangiare bene, in maniera sana ed equilibrata; fare ginnastica; stare più spesso all’aria aperta invece che chiusi h24 in ufficio o in casa; allontanarsi per un po’ dalla tecnologia, spegnendo smartphone e computer. Tutte azioni che contribuiscono a migliorare l’umore e a farci sentire più efficaci, più rilassati… più felici. La felicità è acerrima nemica dello stress, quindi non è necessario iscriversi alla maratona di New York se odiamo l’esercizio fisico! Ci sono tantissime piccole buone abitudini che possiamo inserire nella nostra routine quotidiana, senza scombussolare la nostra agenda e senza cambiare completamente la nostra vita. L’importante è che qualunque attività decidiamo di fare per prenderci cura del nostro corpo, sia costante. Un appuntamento settimanale o quotidiano (ancora meglio) con noi stessi.

Bevete tanta acqua; andate a dormire entro le 23.30, prendete le scale invece dell’ascensore, oppure evitate uno spostamento con i mezzi pubblici se la distanza non è troppo elevate, provate almeno una volta al mese a fare la spesa al mercato, comprando cibi freschi e frutta di stagione

Oltre all’esercizio fisico in questa chiave rientrano il cibo, il respiro, il sonno… Sono quindi tante e diverse le buone abitudini che possiamo introdurre nella nostra quotidianità. Provate a chiedervi cosa fate oggi per mantenervi in forma. Cosa vi piace di più? In quale modo potete essere attivi, mantenendo in salute divertendovi? Ed ecco quale suggerimento di attività semplici che potete fare da subito: bevete tanta acqua; andate a dormire entro le 23.30, e comunque cercate di dare giusto spazio al sonno; prendete le scale invece dell’ascensore, oppure evitate uno spostamento con i mezzi pubblici se la distanza non è troppo elevate e potete farla tranquillamente a piedi; provate almeno una volta al mese a fare la spesa al mercato, comprando cibi freschi e frutta di stagione. Si tratta di piccole azioni, semplici attenzioni che potete dedicare al vostro corpo, e che avranno come risultato quello di farvi sentire meglio e più felici.

APPRECIATING (APPREZZARE) – Se avete già sentito parlare di Mindfulness, alcuni concetti legati a questa chiave per una vita più felice vi saranno già chiari. Secondo la definizione di Jon Kabat-Zinn, uno dei massimi esponenti di questa pratica, Mindfulness significa “porre attenzione in un modo particolare: intenzionalmente, nel momento presente e in modo non giudicante”. In sostanza si tratta di porre attenzione a quello che accade nel proprio corpo e intorno a sé, momento per momento, “ascoltando” accuratamente l’esperienza che si sta vivendo, e osservandola per quello che è, senza valutarla o criticarla. Significa concentrarsi sul “qui e ora”, senza lasciarsi condizionare dalle esperienze passate o dall’ansia generata dal non sapere cosa succederà poi, nel futuro.

continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche