Da Lapo al Banco Popolare: le 10 notizie di finanza più importanti della settimana

Banco Popolare e Bpm si uniscono, mentre Fiat vola e Mondo Tv, gruppo italiano che produce e distribuisce programmi animati, va alla conquista dell'Oriente

Getty Images 72962655

TIZIANA FABI/AFP/Getty Images

18 Ottobre Ott 2016 1425 18 ottobre 2016 18 Ottobre 2016 - 14:25
Messe Frankfurt

1) Fiat Chrysler doppia il mercato europeo dell'auto a settembre con una crescita delle immatricolazioni del 14,2% a fronte di un incremento medio della concorrenza del 7,3%. Nei primi nove mesi dell'anno le consegne di FCA sono state pari a 767.909, +15,3% e la quota di mercato passa dal 6,2% al 6,6%.

2) STM è arrivata a perdere il 5,5% in tre sedute di Borsa a causa dello stop alle vendite del Galaxy Note7 di Samsung e del crollo della svedese Ericsson per i pessimi dati trimestrali, per poi recuperare i giorni successivi. A risollevare il titolo la notizia che l’Unione Europea ha autorizzato un progetto di investimento da 270 milioni di euro presso lo stabilimento di STM a Catania per lo sviluppo di un polo che sarà interamente dedicato alla produzione di fette di silicio di nuova generazione.

3) Sabato l'assemblea dei soci della Banca Popolare di Milano ha votato a favore della fusione con il Banco Popolare. Dopo sette ore di discussione e 87 interventi, i voti favorevoli sono stati 7.314 (pari a circa il 71,8% dei 10.198 soci, di cui 5.406 presenti fisicamente e il resto per delega), circa 500 voti in più del quorum dei due terzi necessario per l'approvazione della delibera che, come per il Banco, prevedeva anche la contestuale trasformazione in Spa. Tecnicamente la fusione si realizzerà con la costituzione di una nuova società per azione con il ruolo di capogruppo chiamata Banco-Bpm a cui farà capo Bpm Spa, banca-rete con gli oltre 600 sportelli dell'ex popolare milanese, scorporata per un massimo di tre anni.

4) Eni: Eni ha annunciato il riavvio della produzione del giacimento giant di Kashagan. La produzione aumenterà gradualmente fino a un primo livello di 180.000 barili al giorno, con un target di 370.000 barili al giorno che sarà raggiunto entro la fine del prossimo anno. Il giacimento di in Kazakistan ed è uno dei più grandi giacimenti petroliferi scoperti negli ultimi 40 anni, con riserve stimate di 35 miliardi di barili di olio in posto. Considerate le dimensioni e le caratteristiche tecniche, ambientali e logistiche, Kashagan rappresenta uno dei progetti industriali più complessi e sfidanti realizzati a livello mondiale. Eni detiene nel consorzio per lo sviluppo di Kashagan una partecipazione del 16,81%.

5) Secondo il Wall Street Journal, alcuni collaboratori della Cancelliera Angela Merkel avrebbero escluso un intervento del governo a sostegno di Deutsche Bank nel corso di un incontro riservato tenutosi con un gruppo di deputati. Per il governo tedesco, quindi, se Deutsche Bank avrà bisogno di nuovi capitali per fronteggiare la maxi-multa arrivata dagli Stati Uniti per lo scandalo subprime dovra' cercarseli presso investitori privati.

6) La società di occhialeria Italia Independent potrà guardare al futuro con maggiore serenità. Il fondatore e azionista di riferimento Lapo Elkann ha annunciato che sottoscriverà la quota dell’aumento di capitale del gruppo che dovesse rimanere inoptata. La ricapitalizzazione è stata approvata dall’assemblea degli azionisti lunedì 17 ottobre e consisterà in 15 milioni di euro al prezzo unitario di 5,75 euro per azione(per i dettagli dell’operazione e la nostra analisi tecnica clicca qui).

7) Banca Carige ha scelto il gruppo Prelios come ‘servicer’ per la due diligence sul primo portafoglio di Npl che la banca ligure vuol cedere entro fine anno. Si tratta di un pacchetto da 900 milioni di euro lordi ed è probabile l'utilizzo della “Gacs", ovvero lo strumento di cartolarizzazione con garanzie pubblica concessa dal Tesoro. Prelios al momento gestisce un portafoglio di Npl da 9,3 miliardi di euro di valore lordo. (per i dettagli clicca qui).

8) Il gruppo Be – Think, Solve, Execute si è aggiudicato in via definitiva una gara europea con Cassa Depositi e Prestiti per la fornitura di servizi IT riguardante i Big Data nel periodo 2016-2019. Il contratto, aggiudicato alla società RTI, di cui Be è la capogruppo, avrà un valore totale di 7,4 milioni di euro (per tutti i dettagli sull’operazione clicca qui). Da inizio anno il titolo è in progresso di oltre il 20% (per la nostra analisi tecnica di Be clicca qui).

9) Per Mondo TV si spalancano le porte dell’Oriente. Il gruppo italiano di produzione e distribuzione di programmi animati ha annunciato di aver concluso un accordo da 14,4 milioni con la società di Hong Kong Broadvision, per i diritti su tre nuovi progetti di Mondo. Broadvision si occuperà anche di distribuire le nuove produzioni Mondo TV in Cina ed India per i prossimi 5 anni (per tutti i dettagli sul deal clicca qui).

10) L’Opa totalitaria lanciata da Edison Energia su Alerion Clean Power giovedì 13 ottobre ha portato euforia in tutto il settore delle energie rinnovabili. La valutazione data da Edison al suo bersaglio (2,46 euro), può portare nuovi benchmark nel comparto. Ne ha beneficiato in modo particolare Falck Renewables, che venerdì ha toccato i massimi da 4 mesi ad oggi (per i dettagli sulle possibili nuove valutazioni di Falck e Plt Energia clicca qui).

Potrebbe interessarti anche