Scienza, scoperte ben 234 civiltà aliene. E vogliono tutte entrare in contatto con noi

È la tesi, molto discussa, di uno scienziato del Quebec: gli extraterrestri esistono e comunicano tra di loro con un segnale laser. Lo spediscono anche a noi, ma non ce ne accorgiamo. I colleghi scienziati sono scettici

Getty Images 819675
25 Ottobre Ott 2016 0810 25 ottobre 2016 25 Ottobre 2016 - 08:10
Tendenze Online

Attenzione, è in arrivo la notizia assoluta: gli extraterrestri esistono e stanno cercando di contattarci. Lo sostengono due scienziati (ma solo loro, sia chiaro) canadesi. Dal 2012 Ermanno Borra e il suo assistente Eric Trottier della Laval University del Québec sostengono di aver individuato i segnali non di una sola civiltà extraterrestre, ma di ben 234.

Tutto nasce dall’ipotesi di Borra (presto diventata una convinzione) che le civiltà aliene, per comunicare, utilizzino raggi laser di una certa potenza. Il meccanismo di comunicazione delineato è piuttosto complesso: per comunicare con i terrestri gli alieni sparerebbero il laser contro la Terra a intervalli regolari (1,65 picosecondi), e gli umani potrebbero individuarlo attraverso un’analisi dello spettro della loro stella. Messaggi molto veloci, ma visibili attraverso studi matematici.

Bene. Partendo da questo presupposto, Borra ha incaricato il giovane Trottier di fare una ricognizione dell’universo, analizzando i dati di circa 2,5 milioni di stelle. Un giochetto. Risultato: seguendo l’intuizione del suo maestro, è riuscito a individuare 234 messaggi laser diversi, con ogni verosimiglianza appartenenti a 234 civiltà diverse.

Certo, la presenza di quei segnali potrebbe essere spiegata anche in modo diverso. Ad esempio, come riconosce lo stesso Borra, una serie di esplosioni nell’atmosfera della stella stessa. Gli altri scienziati hanno preferito concentrarsi più sula parte scettica che su quella entusiasta: è molto probabile, lasciano capire, che il buon scienziato della Laval University si sbagli.

Anzi: secondo Andrew Siemion, direttore del Centro di ricerca SETI dell’Università di Berkeley, il segnale considerato da Borra non avrebbe nemmeno valore scientifico. Troppo debole il segnale e, come è molto probabile, non deriverebbe neppure da elementi reali, ma da errori di analisi nei dati o di calibrazione. Insomma, se gli alieni esistono, si trovano più nel cervello di Borra che nel resto dell’universo.

Il sogno, però, prosegue. Borra non si dà per vinto e anzi si dice contento se altri scienziati hanno voluto prendere le redini di questa ricerca. In fondo, immaginare una comunità di alieni che ha sviluppato un sistema di comunicazione (tralaltro accessibile anche agli uomini) sofisticato e interstellare è un grande sogno. E forse, in un lontano futuro, anche una grande realtà.

Potrebbe interessarti anche