Gli esperti di Big Data? Si prenderanno la rivincita come Galileo

Nella scienza si impara dagli errori: anche le teorie di Galileo e Newton hanno avuto bisogno di tempo per affinarsi e lo stesso vale per la meteorologia. Quindi chi parla di sconfitta dei Big Data si metta il cuore in pace: il futuro è loro

Galileo Pisa

Una riproduzione del celebre esperimento sulla caduta dei gravi condotto da Galileo sulla Torre di Pisa (Hulton Archive/Getty Images)

25 Novembre Nov 2016 1616 25 novembre 2016 25 Novembre 2016 - 16:16
Tendenze Online

Nelle ore dopo il voto alle presidenziali americane, leggendo le reazioni e gli editoriali di molte testate italiane e straniere quello che più mi ha colpito è stato l’attacco convinto che alcuni osservatori e giornalisti hanno riservato ai più moderni sistemi per ottenere previsioni e proiezioni sulle elezioni. La posizione più chiara in questo senso l’ha espressa il giornalista Alessandro Gilioli per l’Espresso.

«Gli algoritmi hanno perso. I Big Data hanno perso. I Data Scientist hanno perso. La tecnologia ha perso. La tecnocrazia ha perso. E ha perso, alle elezioni, il razionalismo congenito a tutto questo: ingegneristico, scientifico, positivista. Tutto questo stanotte ha perso – e malamente». Ora, non si può non ammettere con Gilioli che in questo caso i Big Data Analist abbiano fallito, anche malamente, ma non si può crocifiggere una intera categoria di disciplinari e mettere in discussione una disciplina intera perché si è dimostrata immatura e fallace. Gli errori fanno parte della prassi scientifica e, alla lunga, questi sistemi, ne sono certo, prenderanno piede e diventeranno gli unici in grado di farci fare previsioni anche su processi complessi e contraddittori come le elezioni di un Paese.

Quello che sta accadendo alla scienza dei Big Data, infatti, è già accaduto nel passato. Anche la famigerata teoria gravitazionale di Galileo Galilei e di Isaac Newton all’inizio della loro “carriera” ha sbagliato qualche previsione. In generale, la mancanza di dati, le campagne di misura incomplete, gli strumenti imprecisi hanno portato a fare previsioni sbagliate in ogni campo della scienza. Ma quello che si osserva è che man mano che una disciplina scientifica diventa matura, raffinando gli strumenti e la raccolta dei dati, purificandoli dal rumore di fondo, le previsioni sui fenomeni divengono sempre più precise. Provate a paragonare la meteorologia di oggi, che arriva a dirci l’ora, se non addirittura il minuto in cui inizierà a piovere, rispetto a quella di qualche decennio fa. Oggi satelliti, anemometri, termometri e barometri, sparsi per tutto il mondo, lavorano a servizio di modelli matematici e informatici complicatissimi che sanno restituirci previsioni pressoché infallibili.

Gli errori fanno parte della prassi scientifica e, alla lunga, i sistemi di analisi dei Big Data prenderanno piede e diventeranno gli unici in grado di farci fare previsioni anche su processi complessi e contraddittori come le elezioni di un Paese

La stessa fiducia possiamo, anzi dobbiamo riporla per questa nuova scienza, quella dell’analisi di grandi mole di dati raccolti dai nostri comportamenti online, la big data science applicata ai fenomeni sociali, scienza ancora giovane e incapace di filtrare il rumore di fondo e tarare i suoi strumenti, ma che nel futuro saprà trarre sempre maggiori informazioni sulla nostra società attraverso l’analisi di ogni nostro singolo comportamento, spostamento, mail, tweet, tag, post, foto.

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche