Mangia bene, dormi, muoviti: solo così potrai avere grandi idee

Le riunioni alle 8 di sera, i panini alla scrivania e una vita sedentaria fanno parte delle nostre giornate. Ma, inesorabilmente, consumano energie e intaccano la capacità di prendere decisioni in modo equilibrato

Pennica

(Express/Express/Getty Images)

23 Dicembre Dic 2016 1348 23 dicembre 2016 23 Dicembre 2016 - 13:48
Tendenze Online

La nuova frontiera della produttività personale si chiama benessere. Secondo moltissimi studi, infatti, è proprio ciò che facciamo fuori dalla sfera lavorativa ad avere un impatto sulle nostre prestazioni. Gli atleti e i cosiddetti “peak performer”, ovvero tutte quelle persone che lavorano in condizioni di massima resa, lo sanno benissimo: conoscere e gestire attività come sonno, alimentazione e movimento è essenziale.

Eppure sono ambiti che molti di noi trascurano. Le riunioni alle otto di sera, i panini alla scrivania e una vita sedentaria fanno parte delle nostre giornate e, inesorabilmente, consumano energie e, quindi, intaccano la capacità di prendere decisioni in modo equilibrato.

Come agire per evitare di essere in quel 44% di lavoratori europei che, secondo Adp, si sente “costantemente stressato”? Ecco qualche spunto.

Rifocalizzare la propria attenzione sulle scelte di base. Si tratta, in pratica, di avere un atteggiamento che riporti consapevolezza anche nei gesti banali. Headspace è una nota app che aiuta a meditare e fornisce alcune ottime indicazioni su come integrare la mindfulness in ogni attività. Quando ci laviamo i denti, ad esempio, possiamo sentire la nostra fisicità a contatto con lo spazzolino, osservare i movimenti e assaporare l’aroma del dentifricio. Insomma, la scelta è tra inserire l’autopilota mentre vaghiamo distrattamente per casa con la bocca impegnata o concentrarci su quello che stiamo facendo.

(...)

Continua a leggere su Centodieci

Le cattive decisioni in inglese si chiamano “poor decisions”, perché sono intrinsecamente “povere”. La nostra vera ricchezza, infatti, è il benessere personale. Rimettiamolo al centro delle nostre vite

Potrebbe interessarti anche