Sorpresa: il digital è nato in Europa, e nell'Ottocento

L'idea del digitale è nata nel vecchio mondo, e non è un'invenzione di Steve Jobs, o di Bill Gates, né tantomeno di Mark Zuckerberg

Getty Images 478850080

JEAN-CHRISTOPHE MAGNENET/Getty Images

2 Gennaio Gen 2017 1143 02 gennaio 2017 2 Gennaio 2017 - 11:43
Tendenze Online

Siamo soliti pensare al mondo del digital e alle sue origini come qualcosa di contemporaneo e di americano: i più giovani penseranno a Zuckerberg (Facebook, USA, 2007) o forse all’accoppiata Brin/Page (Google, USA, 1996); quelli più maturi, miei coetanei, penseranno a Jobs (Apple, USA, 1976) e Gates (Microsoft, USA, 1975); infine i più anziani torneranno con la mente fino ai grossi mainframe della statunitense IBM del secondo dopo guerra.

Insomma, per molti, queste sono le coordinate geografiche e temporali del digital: America, Novecento.

Con questo articolo cambierò queste due coordinate: in primis, mostrando come le radici del digitale sono molto più antiche di quel che siamo soliti pensare, risalendo addirittura a un periodo a cavallo tra Settecento e Ottocento, e poi riscoprendo i veri maestri fondatori di questa disciplina che, come spesso è accaduto nella storia della tecnologia, sono tutti europei e hanno operato in quello che gli americani avrebbero chiamato Vecchio Mondo.

Eccole qua le nuove coordinate geografiche e temporali del digital: Europa, Ottocento.

CONTINUNA A LEGGERE SU CENTODIECI

Potrebbe interessarti anche