Avete paura di parlare in pubblico? Createvi un nemico

Quattro consigli per parlare in pubblico vincendo timidezza: imparate a memoria l’incipit dell’intervento, cominciate da una informazione inedita invece che da un’opinione, fatevi invitare a parlare. E poi, evocate un nemico

Speaker’S Corner

Il celebre Speaker’s Corner di Hide Park, Londra (J. A. Hampton/Topical Press Agency/Getty Images)

25 Gennaio Gen 2017 1427 25 gennaio 2017 25 Gennaio 2017 - 14:27
Tendenze Online

Anche se in pochi lo dicono esplicitamente, la capacità di “prendere la parola” per difendere una tesi o presentare un progetto o un’idea è una delle competenze trasversali più apprezzate nel nuovo mondo del lavoro.

Molti di noi riescono facilmente a “prendere la parola” davanti a dei colleghi o a dei clienti. Per altri, invece, dal punto di vista emotivo esporre in pubblico è molto più complesso. Soprattutto per le persone introverse si tratta di una performance problematica. Evitiamo di dire la nostra davanti agli altri anche quando magari abbiamo qualcosa di interessante e utile per tutti, lasciamo che sia qualcun altro a parlare, magari per dire banalità o stupidaggini. In tanti soffrono questa incapacità. Desidererebbero ardentemente “prendere la parola”, ma quando arriva il momento una forza incontrollabile li costringe a tacere. È davvero un peccato perché quando sappiamo “prendere la parola” senza esitazione trasmettiamo agli altri sicurezza e autorevolezza, aumentiamo la nostra visibilità e la nostra capacità persuasiva.

Ecco tre consigli a portata di mano per provare a superare questo limite.

(...)

Continua a leggere su Centodieci

Troviamo un’idea da combattere o un pericolo da scongiurare: il timore e l’imbarazzo del prendere la parola davanti a tutti si squaglierà come neve al sole

Potrebbe interessarti anche