La serenità ci rende potenti: ecco dove cercarla e come trovarla

Perché non porci come obiettivo per il 2017 quello di essere sereni? Possiamo riuscirci se cominciamo a prendere queste abitudini: trovare tempo per fare sport, scrivere i nostri obiettivi dell’anno, rendere zen le nostre scrivanie, essere generosi e grati. Funzionerà

Buddha Thailandia

La colossale statua di Buddha a Wat Lokaya-sudha, Thailandia (Paul Almasy/Three Lions/Getty Images)

27 Gennaio Gen 2017 1310 27 gennaio 2017 27 Gennaio 2017 - 13:10
Tendenze Online

Siamo alla costante ricerca di abitudini e comportamenti che ci facciano stare meglio perché viviamo immersi nel rumore, disturbati da fattori stressanti, distratti da centinaia di impegni, ma soprattutto viviamo in un tempo di profonda incertezza e instabilità e tutto questo a volte non ci permette di vivere in completa serenità con noi stessi e con gli altri. Troppo spesso ricerchiamo delle vie brevi per raggiungere la serenità, quando è un processo lento, costante e progressivo che richiede dedizione, pazienza e pratiche quotidiane. Mi piacerebbe tracciare un percorso, una serie di comportamenti virtuosi che ho “rubato ad alcuni maestri inconsapevoli che ho incontrato e che hanno influito positivamente sulla mia vita. Quale miglior momento se non l’inizio dell’anno per fare un bilancio e riordinare le nostre priorità al fine di raggiungere uno stile di vita teso a migliorare la salute fisica, mentale ed emotiva e permetterci di migliorare le nostre performance personali e professionali.

1. Prendersi cura di se stessi

Fare attività fisica perché stimola una precisa area cerebrale detta neo corteccia pre-frontale che è in grado di stimolare e allenare la forza di volontà e migliorare le nostre performance. Se non possiamo andare a correre, nuotare o in palestra, almeno sforziamoci ogni giorno di fare delle camminate con passo spedito, salire e scendere le scale a piedi, fare degli esercizi di stretching oppure ballare perché tra l’altro stimola il buon umore e favorisce la produzione di endorfine, migliorando le abilità sociali. Ma non basta, prendersi cura di se stessi significa anche guadare alla parte interiore, spirituale del nostro essere e non solo a obiettivi pratici e professionali, possiamo farlo dedicando del tempo ogni giorno ad attività di meditazione, a classi di yoga, tai chi, o praticando il profondo rilassamento. Se stiamo bene e siamo in pace con noi stessi, saremo in grado di occuparci degli altri trasmettendo serenità e controllo.

2. Pianificare degli obiettivi

È mia abitudine il primo dell’anno mettere nero su bianco i desideri, i progetti, gli obiettivi anche ambiziosi che desidero realizzare nell’anno. Un obiettivo dovrebbe essere sempre realizzabile, concreto, misurabile e stimolante. Temporizzare e monitorare durante l’anno significa avere orientamento e velocità. Le verifiche aiutano a prepararci a nuove sfide, i risultati aumentano la nostra autostima e nutrono la nostra visione. Possiamo anche coltivare degli obiettivi più piccoli pianificando un weekend, un viaggio, una visita a una città d’arte, delle letture, una giornata in una stazione termale, questo dona nuova energia liberando anche la nostra creatività.

(...)

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche