I mulini a vento più antichi del mondo stanno per essere abbandonati

Incanalano soffi e folate da mille anni. In Iran, in un villaggio sperduto al confine con l’Afghanistan, è rimasto solo un vecchio guardiano. Dopo di lui, non ci sarà nessuno che si prenderà cura di un enorme pezzo di storia

Schermata 2017 01 27 A 12
28 Gennaio Gen 2017 0830 28 gennaio 2017 28 Gennaio 2017 - 08:30

Energia pulita da oltre mille anni. A Nashtifan, piccolo paese iraniano a pochi chilometri dal confine con l’Afghanistan, i mulini a vento non hanno mai smesso di girare. In senso letterale, quasi: è da dieci secoli che si basa sulla stessa struttura, organizzata in modo da proteggere il villaggio dalle folate e, al termpo stesso, trarne l’energia necessaria per far girare ruote e macine.

I mulini a vento, fatti di argilla, paglia e legno si sono conservati nei secoli e continuano a girare. Sono i più antichi del mondo ma, a salvaguardarli, ormai, è rimasto solo il signor Etebari. Nessuno della sua famiglia o degli altri abitanti del villaggio vuole prendere il suo posto e occuparsi della tradizione dei mulini a vento.

Tutto finirà, allora, consumato? Nessuno interverrà? Il National Geographic, passando per il paesino, ha intervistato l’ultimo dei suoi guardiani, segnando – anticipando – forse la fine di un monumento che, con la sua antica tecnologia, è riuscito a vivere tantissimo. Nonostante i Nobel le giovani generazioni non sanno, povere loro, che le risposte sono tutte lì: nel vento.

Potrebbe interessarti anche