Gli utili stellari di Facebook, la nuova acquisizione di Luxottica: le dieci notizie finanziare della settimana

Il numero uno dei social network raddoppia i ricavi e li porta 3,57 miliardi di dollari. La settimana segna gli ottimi dati della Ferrari e i primi risultati della “cura Cattaneo” in Telecom Italia. Mentre Amazon chiude il quarto trimestre a “soli‘ 43,7 miliardi di dollari di ricavi

Zuckergerb Lieto

Mark Zuckerberg, fondatore e Ceo di Facebook Inc., alla Allen & Company Sun Valley Conference in Idaho, scorso luglio (Drew Angerer/Getty Images)

7 Febbraio Feb 2017 1426 07 febbraio 2017 7 Febbraio 2017 - 14:26
WebSim News

1) Si sta dimostrando efficace la “cura Cattaneo” per Telecom Italia. Nell’intero 2016 il gruppo ha registrato un Ebitda consolidato di 8,02 miliardi, in crescita del 14,4%, pur con ricavi in lieve calo. Nel solo quarto trimestre il fatturato è migliorato del 5,2% e l’Ebitda di oltre il 50 per cento. Particolarmente apprezzata dagli analisti l’inversione di tendenza del debito, diminuito nel 2016 a 25,1 miliardi. Il piano industriale 2017-2019 prevede l’investimento di 11 miliardi di euro in Italia, di cui circa 5 miliardi per le reti a banda ultralarga.

2) Ferrari ha accelerato ancora nell’ultimo trimestre 2016. I risultati del Cavallino Rampante hanno superato il consenso degli analisti in tutti i settori. Negli ultimi tre mesi dell’anno il fatturato è stato pari a 836 milioni di euro (+12% sul 2015), mentre l’Ebitda è salito a 251 milioni di euro (+38%), rispetto a previsioni che indicavano 224,1 milioni. Ai soci andrà un dividendo di 0,635 euro, superiore alle previsioni, che prospettavano una cedola di 0,55 euro. Il titolo ha reagito con un poderoso rialzo, segnando nuovi massimi a più di 60 euro per azione.

3) Pochi giorni dopo l’annuncio della mega-fusione con Essilor, Luxottica continua la sua espansione e presenta conti in crescita. Dopo avere annunciato l’acquisizione del 100% di Octicas Carol, una delle più importanti catene di ottica in franchising in Brasile con circa 950 negozi per 110 milioni di euro. il gruppo ha presentato i risultati del 2016: fatturato a 9,086 miliardi di euro (+3,9%) con il quarto trimestre in accelerazione rispetto ai primi nove mesi.

4) Notizie diverse per i due principali gruppi bancari italiani. Da una parte Unicredit ha dato il via al più grande aumento di capitale della storia di Piazza Affari: 13 miliardi di euro. L’operazione prevede l'attribuzione di 13 nuove azioni ordinarie al prezzo di 8,09 euro l’una ogni cinque diritti d'opzione posseduti. Dall’altro Intesa Sanpaolo ha presentato conti positivi e in linea con le attese, confermando la distribuzione di 3 miliardi di euro di dividendi, mentre sul fronte Generali il management della Ca’ de Sass ha affermato che «l'offerta su Generali è soltanto un caso di studio».

Facebook ha letteralmente polverizzato le aspettative degli analisti con i ricavi saliti del 51% a 8,81 miliardi di dollari, 300 milioni di dollari sopra le stime. L'utile netto è stato pari a 3,57 miliardi di dollari, più del doppio del risultato di un anno prima

5) Risultati sempre più impressionanti per i due giganti del web Facebook e Amazon. Il social network di Mark Zuckerberg ha letteralmente polverizzato le aspettative degli analisti con i ricavi saliti del 51% a 8,81 miliardi di dollari, 300 milioni di dollari sopra le stime. L'utile netto è stato pari a 3,57 miliardi di dollari, più del doppio del risultato di un anno prima. Numeri buoni, ma al di sotto delle attese per la creatura di Jeff Bezos, che ha chiuso il quarto trimestre con ricavi a 43,7 miliardi di dollari, in aumento del 22% ma inferiore ai 44,7 miliardi stimati. La società di Seattle nello stesso periodo ha registrato un utile di 749 milioni, in aumento del 55%.

6) Febbraio è iniziato con grandi investimenti per LVenture Group. Insieme ad alcuni membri di Angel Partner Group (APG), network di business angel, la holding di investimento specializzata nelle startup innovative, ha effettuato due operazioni per un valore complessivo di circa 700mila euro nelle startup Direttoo e Manet, rispettivamente dei settori foodtech e alberghiero (per tutti i dettagli sulle startup e sull’operazione clicca qui).

7) Importante accordo commerciale tra BB Tech Group e Mc-Link, società di servizi di telecomunicazione attiva nella banda larga. La partnership con BB Tech Group, distributore IT europeo “a valore aggiunto”, servirà a Mc-Link per raggiungere un ampio canale di rivenditori e potenziali nuovi partner commerciali, nonché di incrementare la riconoscibilità del suo brand sul mercato (qui tutti i dettagli sull’accordo tra le due società).

8) Novità in casa axélero. La Internet Company ha nominato un nuovo Cfo per rafforzare la squadra di management in un momento di forte espansione. Si tratta di Mauro Venturato, manager con un'esperienza di 20 anni in aziende leader, che prenderà servizio a partire dal 3 marzo 2017 (tutto sulla nomina e sul nuovo Cfo a questo link). Il Ceo di axélero, Leonardo Cucchiarini, ha nel frattempo spiegato le strategie di sviluppo della società e la volontà di passare dal listino Aim Italia all’indice Mta.

Bilancio più magro (si fa per dire) per Amazon, che ha chiuso il quarto trimestre con ricavi a 43,7 miliardi di dollari, in aumento del 22% ma inferiore ai 44,7 miliardi stimati

9) Banzai diventa ufficialmente ePRICE e presenta risultati migliori delle previsioni. Il leader italiano nell'e-commerce ha approvato i ricavi preliminari del 2016, che hanno visto una crescita del 18% rispetto al 2015 a un totale di 198 milioni di euro. Dati positivi anche il Gross Merchandise Value (GMV), il valore dei prodotti venduti sul sito, cresciuto del 22,7% nel 2016 a 254,4 milioni di euro (qui tutti i dati di ePrice). Il titolo ha reagito positivamente alla notizia, accelerando verso l’area dei 4 euro (qui la nostra analisi tecnica del titolo). La società guidata da Pietro Scott Jovane ha anche investito un milione di euro in Termostore, start-up che ha sviluppato un modello full-service per l’installazione e la manutenzione di impianti di riscaldamento e di climatizzazione (per i dettagli sull’operazione clicca qui).

10) Nuovo capitolo della collaborazione tra Digital Bros, l’unico gruppo italiano di livello internazionale nella produzione e distribuzione di videogiochi e la svedese StarBreeze AB. Le due società hanno firmato un accordo per la distribuzione retail del titolo ‘Dead by Daylight’, che prevede il co-publishing e la suddivisione dei ricavi con una royalty minima garantita di 2,5 milioni di dollari. L’intesa riguarda tutto il mercato mondiale ad eccezione dei paesi nordici e dell’Asia (qui tutti i dettagli sull’accordo). Il titolo ha reagito con un forte rialzo alla notizia, ma vive un momento di forte volatilità da alcune settimane (clicca qui per la nostra analisi tecnica).

Potrebbe interessarti anche