Inflazione e tassi bassi: il conto corrente non conviene più

Con i prezzi dei beni e servizi che tornano a salire, tenere gran parte dei propri risparmi depositati in banca non è la scelta migliore per difenderli

17134545586 Bf25edbbee Z

SAMUEL KUBANI / AFP

3 Marzo Mar 2017 1752 03 marzo 2017 3 Marzo 2017 - 17:52
WebSim News

In Europa, nonostante gli indicatori indicano che le aspettative per l’inflazione stiano crescendo, la convinzione è che i tassi di interesse resteranno per il momento ancora bassi. Prima o poi la Bce li aumenterà, ma molti segnali dicono che il loro livello non tornerà ad essere quello di prima entro un orizzonte di tempo rilevante. Per questo tenere i risparmi nel conto corrente è oggi una scelta che non permette di difenderli in maniera ottimale. Se si hanno gran parte delle disponibilità depositate in banca, i ritorni che si ricevono compensano a malapena l’effetto dell’inflazione, che nel frattempo è tornata a salire anche da noi.

Continua a leggere su MoneyFarm

Potrebbe interessarti anche