Scrivi un’opera come quelle di Shakespeare e diventerai ricco

Un bando per diventare come il Bardo: scrivere un’opera ispirata a Shakespeare che sarà scelta e messa in scena in America. E anche pagata 25mila dollari. Per chi si sente un drammaturgo in erba, è l’occasione per svoltare

000 HH0KJ

CHRIS J RATCLIFFE / AFP ( James Cochran, alias Jimmy C, all’opera sul suo murale di William Shakespeare su Clink Street, vicino al Globe di Londra : 25 ottobre 2016)

28 Aprile Apr 2017 0820 28 aprile 2017 28 Aprile 2017 - 08:20

Non ci sono molte possibilità di scrivere qualcosa di shakespeariano, vederselo rappresentato ed essere pagati pure. Non sono molte, ma ci sono. Ad esempio questo bando dell’American Shakespeare Center, a Staunton (Virginia) che chiede a giovani autori di tutto il mondo (che sappiano farlo in lingua inglese, ovvio) di inviare “companion piece” ispirati alle opere del Bardo.

I “companion piece” sono opere “derivate” da altre opere. C’entrano con loro, riprendono alcune parti, le sviluppano. Ne creano prequel e sequel. Che sono proprio ciò che chiedono a Staunton. Lo dice Jim Warren, il direttore artistico del teatro: “Noi non cerchiamo una riscrittura delle opere di Shakespeare. Noi cerchiamo opere che siano ispirate da Shakespeare. Possono essere sequel e/o prequel, o che raccontino le vicende di personaggi minori di Shakespeare, o che mettano in scena la compagnia teatrale di Shakespeare alle prese con la produzione di un titolo. Possono includere anche personaggi moderni che interagiscono con personaggi tradizionali”. E ancora: “Che possono essere messe in scena insieme o prima o dopo il loro omologo shakespeariano, in cui compaiono gli stessi personaggi, magari impersonati dagli stessi attori, e si noti il confronto”.

Ne sceglieranno due ogni anno per dieci anni, e li pagheranno 25mila dollari ciascuna. Comprese spese di viaggio e di vitto per le prove e l’allestimento. Chi si volesse mettere all’opera sappia che per quest’anno si dovrà ispirare a: Le allegre comari di Windsor, Enrico IV, parte prima, La commedia degli errori, Il racconto d’inverno.

Sappia anche che sarà messa in scena da un gruppo ristretto di attori (e sarà richiesto un uso sapiente del cambio di costume, con tanto di entrate e uscite bene organizzate) e che saranno messe in scena in un teatro molto simile al Globe dell’epoca di Shakespeare. Questo vuol dire: non immaginare troppi effetti speciali. Non li farebbero.

Potrebbe interessarti anche