2020, la Cina partirà alla conquista degli asteroidi (per cercare metalli preziosi)

I piani di Pechino sono semplici ma molto ambiziosi: riuscire a impadronirsi di un asteroide, costruire una base spaziale sopra, e poi coordinarla con una stazione (ancora) da creare sulla Luna

000 H76XZ

STR / AFP

15 Maggio Mag 2017 1020 15 maggio 2017 15 Maggio 2017 - 10:20
Tendenze Online

I piani sono chiari: conquistare il meteorite, colonizzarlo e trasformarlo in una miniera di metalli rari e preziosi. I cinesi, insomma, guardano al cielo (quando non è coperto dallo smog) e vedono lì il proprio futuro: nello sfruttamento delle risorse dei meteoriti e nella creazione di nuove basi spaziali, una di queste anche sulla Luna.

Non si può dire che non abbiano immaginazione. Nonostante siano arrivati alla corsa allo spazio con cinquant’anni di ritardo, hanno recuperato terreno. Sono andati in orbita, hanno mandato razzi e satelliti (con le stazioni spaziali hanno qualche problemino) e adesso puntano alla conquista, se non dell’universo, almeno di quella porzione raggiungibile in poco tempo.

Il piano parte proprio con gli asteroidi: entro il 2020 la Cina ne avrà catturato uno. Entro tre anni partirà dalla Terra un mezzo spaziale che, se tutto va bene, lo aggancerà e, con l’uso di razzi, riuscirà a modificarne la traiettoria, portandolo in direzione della Luna. Poi da lì sarà portato, con l’aiuto di mezzi robotici, sulla Terra dove si riuscirà a estrarre il metallo prezioso (con cui saranno ripagate le avventure spaziali).

Negli anni a seguire il progetto comprende anche la colonizzazione vera e propria di una asteroide, “in grado di creare un minimo di gravità, salutare per gli astronauti”, che sarà a sua volta scavato per estrarre metalli preziosi. Il tutto con una stazione fissa sulla Luna, a coordinare le varie missioni. Ma di questo si parlerà tra decenni, se la tecnologia lo permetterà. Nel frattempo i minerali necessari continuerà a prenderli in Africa.

Potrebbe interessarti anche