L’indice della nebbia: scopri quanti anni di studio ci vogliono per capire qualunque testo

Si chiama Fog Index, l’ha inventato un uomo d’affari americano di nome Robert Gunning e misura il grado di difficoltà di un testo scritto. Avete mai provato a fare questo test con una comunicazione burocratica?

000 NM7WI

Johannes EISELE / AFP

22 Maggio Mag 2017 0819 22 maggio 2017 22 Maggio 2017 - 08:19
WebSim News

Fog Index, altrimenti detto Indice di Gunning, venne ideato da un uomo d’affari statunitense, Robert Gunning, all’inizio degli anni’50.
Ecco spiegato perché io stia usando una parola inglese: così si chiama!

È un indice che misura la facilità di lettura di un testo ed è direttamente proporzionale al numero di anni di istruzione necessari per comprenderlo senza difficoltà. Più alto è l’indice di uno scritto, più anni di istruzione ci vorranno per capirlo. Più è basso, meno saranno gli anni richiesti, e maggiore sarà la sua accessibilità.

Una precisazione: un indice alto non significa mancanza assoluta di accessibilità; richiederà però un livello di concentrazione maggiore, che potrebbe portare all’abbandono della lettura, o a una minore comprensione.

Ecco un indicatore importante: l’indice ideale è inferiore a 8.

Come si calcola?

È la somma tra il numero medio di parole per frase e la percentuale delle parole pari o superiori alle tre sillabe presenti nel testo analizzato (escludendo tecnicismi, nomi propri e participi passati). Tre perché tarato sulla lingua inglese. A mio parere dovrebbe diventare quattro per l’Italiano, ricco di parole lunghe.La somma di questi due dati va poi moltiplicata per un coefficiente pari a 0.4. Il risultato ottenuto è l’indice.

Quello di Gunning non è l’unico indice di misura, ce ne sono molti altri, con livelli di affidabilità maggiori o minori. Ovvio che la lunghezza delle frasi e delle parole non sono i soli fattori che influiscono sulla fruibilità di un testo, ma prenderli in considerazione può essere un buon punto di partenza.

Un ente pubblico come l’INPS per esempio, che si rivolge a una popolazione mediamente anziana, dovrebbe mirare a indici bassi.

L’indice di nebbia del testo sotto riportato è pari a 21.94: significa che per capirlo senza difficoltà un italiano medio dovrebbe avere una laurea, un master e magari anche un dottorato di ricerca.

Come diceva Carducci «Chi riesce a dire con venti parole ciò che può essere detto in dieci, è capace pure di tutte le altre cattiverie».

Potrebbe interessarti anche