E l’Uzbekistan mette fuorilegge 34 videogiochi per proteggere i giovani dalla violenza

Vecchie carcasse come GTA San Andreas, del 2004, e pure i Sim, sono illegali. Ora chi li importa e chi li commercia dovranno rispondere davanti a un giudice. Motivo? Diffondono violenza e pornografia

Unnamed
2 Giugno Giu 2017 0819 02 giugno 2017 2 Giugno 2017 - 08:19

Visto che essere un Paese autoritario dell’Asia centrale non basta per garantirsi una pessima nomea, il governo uzbeko ne ha inventata un’altra: proibire 34 videogiochi. Chi li importa, chi li commercia, chi li usa commetteranno un illecito penale. Niente di più, niente di meno. Non si potrà guidare con Grand Theft Auto, non si potranno fare scontri con Mortal Kombat X, proibito sparacchiare a destra e a manca con Call of Duty. Tutti videogame proibiti dal governo, anche se – come fa notare la Bbc – non sono proprio recentissimi.

Le ragioni? Proteggere i giovani dalla violenza. I videogiochi “la promuovono, insieme alla pornografia” (si riferiscono, immagina LinkPop, alle bonazze digitali che accompagnano le scene di azione). E questo è il meno: i giochi “perturbano la pace civile”. Addirittura. “Minano l’armonia tra le diverse culture religiose ed etniche dello stato”. Insomma, “sono una minaccia per la sicurezza e la stabilità sociale e politica”. Anche se nella lista dei giochi proibiti c’è anche Sim, dove l’unica violenza è togliere la scaletta dalla piscina.

Non è una novità, comunque. I rapporti tra Uzbekistan e occidente non sono mai stati sereni. Film e libri provenienti dagli Usa e dall’Europa sono sempre stati visti con un certo sospetto. I videogiochi, che contengono elementi di violenza esplicita (che non convincono tutti nemmeno qui), sono i più facili da bloccare. Il problema, poi, è che il bando, criticatissimo dai giovani del Paese, rischia di diventare un buco nell’acqua. Molti giochi sono rintracciabili in rete, negli internet-cafè dell’Uzbekistan girano copie piratate, le ondate di giocatori comunicano e sono difficili da fermare. Perché l’hanno fatto? Si noti, tra le altre cose, l’assoluta demenzialità della selezione: è proibito GTA San Andreas, del 2004, ma non sono bloccati GTA IV e GTA V, ben più violenti. Perché?

Mentre questi interrogativi restano nell’aria, rimane una sola certezza: i videogiochi, almeno in Uzbekistan, sono diventati prodotti culturali in tutto e per tutto. Come i libri nel secolo passato, sono considerati pericolosi per i giovani. In fondo, è un gran risultato.

Potrebbe interessarti anche