Demanio marittimo, a Senigallia va in scena il festival della ricostruzione (tutto in una notte!)

Come da sette anni a questa parte, un pezzo di spiaggia nei pressi di Senigallia è protagonista di un evento tra i più peculiare nel panorama dei festival estivi. 35 eventi dal tramonto all’alba con Aldo Bonomi, Stefano Boeri e Achille Bonito Oliva. E ci saremo anche noi de Linkiesta

Demanio Marittimo

Un’immagine dell'edizione 2015

20 Luglio Lug 2017 1614 20 luglio 2017 20 Luglio 2017 - 16:14

Rebuilding community, ricostruire le comunità. Non c’è anno migliore, né luogo migliore - le Marche, l’Italia di mezzo che ha cominciato a tremare poco meno di un anno fa - per provare a riflettere di terremoti e ripartenze. E forse non c’è nemmeno festival migliore per farlo che quello di Marzocca, a pochi chilometri da Senigallia, al chilometro 278 della riviera adriatica, in uno spazio di demanio pubblico che da sette anni ormai diventa laboratorio, dal tramonto all’alba tra venerdì 21 e sabato 22 luglio, per riflessioni che spaziano dalla sociologia al design, dall’architettura all’arte.

Ideato da Cristiana Colli e Pippo Ciorra, e promosso da dalla rivista MAPPE e dall’Associazione Demanio Marittimo.Km-278, quest’anno il festival avrà come ospiti personalità del calibro del sociologo Aldo Bonomi, dagli architetti Stefano Boeri e Mario Cucinella, critici d’arte come Achille Bonito Oliva che dialogherà con l’artista egiziano Moataz Nasr.

Una maratona continua di eventi, discussioni, conversazioni - tre aree tematiche, dodici ore di incontri ininterrotti, oltre 80 ospiti che animeranno 35 appuntamenti programmati su 3 palchi, 3 mostre e 3 rassegne video, performance live, un’area degustazione e street food, DJSet, web area, bookshop, -, che sarà chiusa, dall’ora più buia all’alba sul mare, da una retrospettiva di cortometraggi di Simone Massi, uno dei più brillanti animatori italiani. Una maratona che sarà aperta da un’evento realizzato in partnership con Linkiesta, dal 2016 media partner dell’iniziativa.

Nel nostro evento parleremo di innovazione sociale, di beni comuni, di ricostruzioni comunitarie che partono dal protagonismo di semplici cittadini e di amministrazioni lungimiranti che hanno capito che per rammendare tessuti sociali sfrangiati e ricostruire legami occorre fare un passo indietro

Nel nostro evento parleremo di innovazione sociale, di beni comuni, di ricostruzioni comunitarie che partono dal protagonismo di semplici cittadini e di amministrazioni lungimiranti che hanno capito che per rammendare tessuti sociali sfrangiati e ricostruire legami occorre fare un passo indietro. Ne parleranno, insieme al direttore de Linkiesta Francesco Cancellato, l’assessora all’innovazione del comune di Reggio Emilia Valeria Montanari, Chiara Prevete, executive director di LabGov, che sotto la guida di Christian Iaione è stata una delle prime realtà al mondo a porre il tema dei beni comuni come il cuore dell’azione di ricostruzione comunitaria e Chiara Gambarana di Cohousing Lab, che ha recentemente elaborato una mappatura delle esperienze dell’abitare condiviso in Italia. Novità di quest’anno, l’evento sarà trasmesso integralmente in diretta sulla pagina Facebook de Linkiesta. Anche se esserci è tutta un’altra cosa.

Per consultare il programma completo di Demanio Marittimo - Km 278 cliccare qui

Potrebbe interessarti anche