Cosa significa Wisconsin? La traduzione letterale dei nomi degli Stati americani

Ogni toponimo è insieme un nome e una storia. A volte è anche una indicazione geografica, o il nome di un popolo (o di un benefattore). Niente di più vero per i nomi degli Stati canadesi e statunitensi

DESIGN Literal Map Of The United States
22 Luglio Lug 2017 0830 22 luglio 2017 22 Luglio 2017 - 08:30

Lo si dimentica spesso, ma i toponimi, almeno in origine, hanno un significato preciso. Prima di diventare un insieme di suoni senza senso (tranne, come è ovvio, quello geografico), indicavano una connotazione fisica, un nome di persona, quello di una popolazione. È per questo, allora, che colpisce vedere questa mappa: sono gli Usa e il Canada con i nomi dei loro Stati tradotti alla lettera. Sono molto interessanti.

Si scopre, allora, che la storia ha lasciato le sue tracce. Che la Virginia, che pure fu uno degli Stati che si ribellò per primo alla corona inglese, altro non è che una terra dedicata alla britannicissima regina Elisabetta I. Che la Georgia, allo stesso modo, deve il suo nome a un altro regnante inglese, re Giorgio II.

Meno semplici sono gli Stati che derivano il nome dai loro antichi abitanti, cioè gli indiani. L’Oklahoma altro non vuol dire che “Pellirossa”. E Texas, invece, significa “amico”. Le Genti delle Montagne (Utah) erano divisa tra il Paese delle piccole sorgenti (Arizona) e il Grande Fiume Piatto (Wyoming). Ma quando raggiungevano il luogo giusto, potevano esclamare: È questo il posto! (Iowa).

Lo stesso vale per il Canada, conteso tra i suoi Spazi Stretti (Quebec) e le Strettoie del Grande Spirito (Manitoba). Una illustrazione illuminante, sia per la storia dei popoli che delle parole, creata da Expedia:

”The


The Literal Translation of Places in Canada & the United States, courtesy of Expedia.ca


Potrebbe interessarti anche