Ecco "awake", il verbo più difficile per gli inglesi

Esistono varie forme alternative: da "awaken" al passato "awoke" e alla forma "awoken". Come ci si orienta nel più grande ginepraio linguistico d’oltremanica? Con molta pazienza

Alarm Clock 2116007 960 720
29 Luglio Lug 2017 0830 29 luglio 2017 29 Luglio 2017 - 08:30

Altro che buongiorno. In inglese è complicatissimo anche solo svegliarsi. Il verbo awake è uno dei più ingarbugliati di tutta la lingua: ha due forme (o tre?), confonde i participi passati e inventa nuove tipologie di passati remoti. Tutto si spiega, seguendo i fili, riguardando la storia della parola. Anzi, delle parole. Perché, come si spiega qui, in Old English erano ben due: awacan (intransitivo), cioè svegliarsi, e awacian (transitivo), cioè svegliare.

Il problema è presente fin dall’inizio: uno dei due aveva una coniugazione irregolare e l’altro, invece, regolare. Per capirsi, uno era awake, awaked e awaken. L’altro awake, awoke e awaken. Le due parole, col tempo, hanno cominciato a confondersi.

Comincia awaken, che è un participio passato, a creare problemi: acquisisce (chissà perché) dignità di verbo a sé. E di conseguenza, assume anche una sua coniugazione (regolare): awaken, awakened e awakened. Dopodiché, i due verbi originari cominciano a mescolarsi. I due passati remoti awaked e awoke diventano interscambiabili, assomandosi al nuovo awakened. A questo punto della storia, insomma, si poteva dire “lui si è svegliato” in tre modi, tutti accettati: he awaked, he awoke, he awakened.

Ma visto che si può sempre peggiorare, nel 16esimo secolo viene creato, in ambiente poetico, un nuovo participio passato: awoken, basato sul passato remoto awoke. Come se non ne avessero già abbastanza.

In sostanza, adesso si può avere al presente un awake, ma anche un awaken. E sono uguali. Al passato, si può scegliere tra awaked e awoke e anche awakened. E al participio passato si può andare da awaken a awoken fino, di nuovo, ad awakened. Ed è solo per svegliarsi.

Potrebbe interessarti anche