Diventiamo davvero artefici della nostra fortuna: coltiviamo autonomia e competenza

La motivazione è presente in tutte le persone, ma per essere risvegliata e gestita al meglio deve rispondere a tre necessità: autonomia, competenza, collegamento con gli altri

000 RK3WA

STR / AFP

14 Agosto Ago 2017 1240 14 agosto 2017 14 Agosto 2017 - 12:40
Messe Frankfurt
WebSim News

Marco Bonfiglio ha vinto a novembre 2015 la Fidippides Run, un’ultramaratona di 490 km che percorre la distanza Atene-Sparta-Atene. Marco è certamente un atleta di grande talento e con un palmarès importantissimo, ma conduce una vita simile a quella di molti di noi, dovendo conciliare gli impegni sportivi con quelli lavorativi (è un informatico della Regione Lombardia). Mi chiedo sempre cosa spinga una persona a raggiungere tali traguardi che paiono impossibili.

Questa forza si chiama autodeterminazione.

Un solido tentativo di descriverla è la Self-Determination Theory degli psicologi Edward Deci e Richard Ryan, che sostiene che ognuno di noi è tanto più motivato quanto più riesce a rispondere a tre necessità. Vediamo insieme quali sono e come possiamo soddisfarle.

Autonomia: è la sensazione di avere davanti diverse scelte e, quindi, di poter esercitare la propria volontà liberamente. Siccome questo non sempre accade, dato che viviamo in ecosistemi sociali di cui dobbiamo tenere conto, come è possibile coltivare questa percezione? I passaggi da fare (non sempre confortevoli a dire il vero) sono essenzialmente questi:

Leggi tutto su Centodieci

Potrebbe interessarti anche