Scremate tutto! Se volete conquistare il lettore tenete solo l’essenziale

Ormai chi legge fa zapping da un testo all’altro, da un media all’altro. Skim reader, li chiamano gli anglosassoni. E vanno conquistati con la semplicità e l’essenzialità

Lettori

Immagine con licenza Pixabay.com

Immagine con licenza Pixabay

11 Settembre Set 2017 0830 11 settembre 2017 11 Settembre 2017 - 08:30
Messe Frankfurt
WebSim News

L’attenzione è ormai cosa insolita, quasi rara, si potrebbe azzardare; una battuta come quella pronunciata da Calvin Candie in Django Unchained, “Signori, avevate la mia curiosità, ma ora avete anche la mia attenzione”, sarebbe riservata alle grandi occasioni.

All’analisi e all’approfondimento preferiamo una visione d’insieme e una generale panoramica.

E questo succede quando siamo di fronte a un testo scritto su un device elettronico. Oltretutto il pc, insieme a tablet e smartphone sono gli strumenti di lavoro per definizione, eppure in presenza di uno schermo, ad attivarsi è l’emisfero destro, quello deputato alla creatività e all’emotività. Una bella complicazione, anche perché la nostra attenzione continua a calare, ci distraiamo, e a quel punto non ci resta che fare una cosa: saltare, saltare e ancora saltare!

Ecco quindi che rimbalziamo da una riga all’altra, con l’abilità di un funambolo; nel tempo abbiamo addirittura affinato la tecnica e ci siamo convinti di poter bellamente trascurare paragrafi interi.

Gli inglesi, raffinati per definizione, sostengono che siamo diventati degli skim reader, dei lettori che scremano; in modo più prosaico potremmo dire che siamo impegnati a far zapping nel testo, alla ricerca di concetti chiave a cui ancorarci, consolandoci col fatto che “più o meno il senso l’abbiamo capito”.

E in effetti questo è un buon modo per autodifenderci dalla colata di messaggi che ogni giorno ci travolge, sotto i quali sono seppellite con ogni probabilità informazioni preziose.

“In compenso abbiamo risparmiato tempo”, potrebbe essere la replica; ma siamo sicuri che funzioni proprio così?

Gli inglesi, raffinati per definizione, sostengono che siamo diventati degli skim reader, dei lettori che scremano; in modo più prosaico potremmo dire che siamo impegnati a far zapping nel testo, alla ricerca di concetti chiave a cui ancorarci, consolandoci col fatto che “più o meno il senso l’abbiamo capito”

Se il vantaggio di chi riceve un messaggio non è certo, lo è quello di chi scrive. A lui quindi l’onore e l’onere di farsi leggere.

Testi confusi, ripetitivi e prolissi gettano nella nebbia il lettore e lo fanno uscire di strada. Ecco perché dopo una fase di sbandamento cognitivo, il cervello del lettore dice stop; fuori dalla metafora, smette di leggere.

Ciò significa che chi ha scritto ha sprecato fatica, denaro e opportunità.

Per questo, prima di attaccarti in modo compulsivo alla tastiera, ricordiati di fare in modo che gli altri:

  • ti leggano

  • ti capiscano

  • ti diano un feedback, auspicalmente quello che vorresti.

Qualche consiglio per mantenere vigile il tuo lettore? Via frasi lunghe (al massimo 20-25 parole), ai barocchismi e alle ridondanze.

Non è facile, ma si può imparare.

Il trucco è: non scrivere per gli altri quello che non vorresti gli altri scrivano per te. Come sintetizzò brillantemente il poeta Robert Lee Fros, “Nessuna lacrima nello scrittore, nessuna lacrima nel lettore”.

“Speed limit - Ingrana la marcia giusta nell’era della scrittura 4.0”. Un evento di Bridge Partners®, in programma giovedì 5 ottobre 2017 dalle 18:30 alle 20:30, presso la redazione de Linkiesta in via G.B Morgagni 6 a Milano. Leggi qui per saperne di più e per prenotare gratuitamente il tuo posto

Potrebbe interessarti anche