Le abissali lacune degli italiani sulla finanza

Un’indagine della Consob conferma non solo che gli italiani non conoscono le basi della finanza, ma anche che investono senza leggere i prospetti informativi e pur non comprendendo l’informativa finanziaria

Trader Perplesso

Bryan R. Smith / AFP

Bryan R. Smith / AFP

9 Ottobre Ott 2017 1530 09 ottobre 2017 9 Ottobre 2017 - 15:30
Messe Frankfurt
WebSim News

La scorsa settimana kla Consob, in occasione della World Investor Week, ha pubblicato un report che fotografa le nostre abitudini di risparmio dal quale si possono trarre spunti interessanti per capire qualcosa di più sul risparmio italiano e i suoi vizi cronici.

Nonostante lo stock di ricchezza considerevole, gli italiani non sembrano interessati alle questioni finanziarie: circa uno su due non ha ben chiaro i concetti di inflazione, di interesse semplice e la relazione tra rischio e rendimento. Ancora meno, il 33%, sa cos’è la diversificazione, solo il 18% il rischio di liquidità, il 16% il rischio di credito e il 10% il rischio di mercato.

Per quanto riguarda la competenza sui prodotti finanziari, il 20% dichiara di non conoscere alcun prodotto finanziario e il 35% non è in grado di dare un giudizio sulla rischiosità dei prodotti più noti. Non stupisce quindi che il 57% degli intervistati dichiari di non leggere i prospetti informativi e il 27% investa pur non comprendendo l’informativa finanziaria.

Continua a leggere su Moneyfarm

Il problema è che, quanto a educazione finanziaria, in Italia siamo indietro rispetto a tutto il resto d’Europa. Un altro problema è che esiste un “mismatch” tra le conoscenze reali e le conoscenze percepite. Il 36% delle persone coinvolte nella ricerca, per esempio, è convinta di avere una buona comprensione del rischio di mercato, anche se alla prova dei fatti ha dato risposte sbagliate

Potrebbe interessarti anche