L’Austria è solo il primo assaggio: benvenuti nell’Europa del Blocco Unico Conservatore

Popolari primi e socialdemocratici secondi, ma entrambi col programma dell’estrema destra e entrambi pronti a governare con loro. Eccovela, la nuova egemonia culturale: via gli stranieri, su le frontiere. È lo spirito di Visegrad, bellezza

Austria Elezioni Linkiesta

I leader dei tre principali partiti politici austriaci: Heinz Christian Strache (Fpoe), Christian Kern (Spoe) e Sebastian Kurz (Oepv)

HERBERT NEUBAUER / APA / AFP

16 Ottobre Ott 2017 0800 16 ottobre 2017 16 Ottobre 2017 - 08:00

L’Austria è un bel laboratorio politico, non c’è che dire. È stato il primo Paese, ormai quasi un paio di decenni fa, a battezzare il successo delle nuove forze politiche di estrema destra con l’exploit di Joerg Haider, che nel 1999 fu eletto governatore della Carinzia e prese il 26% alle elezioni politiche. Più recentemente, di nuovo, è stato il primo Paese a rischiare di eleggere un Presidente della Repubblica proveniente dal medesimo partito di Haider, quell’FPOE accusato in più occasione di avere una visione piuttosto indulgente della parentesi nazista, anche se ben lontano dall'essere un accolita di nostalgici. Non ce la fece per un soffio, Norbert Hofer, e più di qualcuno pensò che il pericolo, almeno quella volta, fosse stato scampato.

E invece rieccola qua ora, l’Austria, con un risultato elettorale delle elezioni politiche che solo a un primo sguardo può apparire “normale”. Hanno vinto i popolari dell’Oevp, guidati dal carismatico trentunenne Sebastian Kurz, è vero. Sono arrivati secondi i socialdemocratici di Christian Kern, che è riuscito a recuperare strappare la seconda posizione ad Heinz-Christian Strache e all’FPOE, è vero pure questo. E allora perché tutti dicono che hanno vinto i nazionalisti e gli xenofobi?

Capite anche voi che non è più solo un problema di minoranze qualificate, ma di maggioranze bulgare. Non più solo un problema di egemonia culturale, ma di egemonia politica. Del resto non c’è solo l’Austria tra i Paesi in cui si fronteggiano, pressoché equipollenti, una destra, un’estrema destra e una sinistra che si è spostata a destra

Semplice: perché l’Austria è un Paese che, con il governo uscente di grande coalizione, a guida socialdemocratica, ha già ha chiuso le frontiere ai profughi, con il blocco del confine austro-balcanico dell’estate del 2015 e ha promesso, più volte, di chiudere pure la frontiera del Brennero. Perché la rimonta di Kurz è figlia di un programma che in merito a profughi e richiedenti asilo supera a destra quello della destra più estrema. E perché dal quartier generale di Kern e dei socialdemocratici, anch’essi ben poco teneri nei confronti degli stranieri, trapela la disponibilità a fare un patto di governo con l’Fpoe che tagli fuori Kurz e i popolari.

Che sia tattica o meno, che anche solo si paventi una simile eventualità equivale a una rivoluzione. Vuol dire che i rappresentanti di più di otto elettori su dieci pensano che gli stranieri siano IL problema dell’Austria. Che ritengono che i blocchi alle frontiere siano una soluzione al problema. Che tra Bruxelles e Visegrad, tra l’Europa dei ponti e quella dei muri, preferiscono Visegrad.

Capite anche voi che non è più solo un problema di minoranze qualificate, ma di maggioranze bulgare. Non più solo un problema di egemonia culturale, ma di egemonia politica. Del resto non c’è solo l’Austria tra i Paesi in cui si fronteggiano, pressoché equipollenti, una destra, un’estrema destra e una sinistra che si è spostata a destra. Né l’unico in cui l’ascesa delle forze xenofobe ed euroscettiche viene frenato a fatica sussumendone idee e politiche. Per la cronaca, è quel che sta avvenendo in Francia e Italia, nel primo caso. E quel che avverrà presto in Germania, nel secondo.

Guardatela bene, quindi, l’Austria. E state bene attenti, perché è un’anticipazione di quel che sarà il nostro futuro. Soprattutto, se gli austriaci metteranno i carri armati per chiudere le frontiere al Brennero. E se noi non faremo altrettanto per fargliele riaprire, a forza.

Potrebbe interessarti anche