In questo mondo serve una cosa: cercare un equilibrio tra ambizione e competenza

Mai sentito parlare dell'effetto Dunning-Kruger? Conoscerlo può essere importante per capire se stiamo sopravvalutando o meno le nostre capacità. Tutto per riuscire a dare il meglio sul lavoro

Dunning Linkiesta
20 Novembre Nov 2017 1440 20 novembre 2017 20 Novembre 2017 - 14:40

In un mondo che premia sempre più la reputazione e cerca nuove competenze, come segnalarle in modo corretto? La domanda è fondamentale, per il nostro lavoro e per la nostra vita quotidiana, innanzitutto perché gli esseri umani tendono a essere un po’ troppo ottimisti riguardo al loro sapere.

In psicologia, si parla di effetto Dunning-Kruger per descrivere questo bias. In sostanza, tendiamo (tutti) a sopravvalutare le nostre abilità rispetto a una specifica competenza.

Nell’esperimento iniziale, i due ricercatori sottoposero alcuni studenti a diversi test di grammatica, esercizi di problem solving, test sul pensiero creativo, chiedendo a ciascuno di auto-valutarsi dopo il task: tutti tendevano a sopravvalutarsi e, quel che è peggio, la distorsione era inversamente proporzionale alle reali abilità. Tradotto: i più ciucci, in realtà, erano quelli che si davano il punteggio più alto dopo il test.

E il guaio è che il temibile effetto Dunning-Kruger non riguarda solo giovani studenti universitari, ma anche persone osservate nella loro vita reale: i due psicologi, infatti, ripeterono l’esperimento sul campo, in un poligono di tiro, trovando sostanzialmente il medesimo risultato.

Qualcuno potrebbe porre la fatidica domanda: so what?

Il fatto è che, nel mondo disruptive di oggi, segnalare le proprie competenze diventa sempre più difficile, così come mantenere la reputazione dopo che si è presa una sonora cantonata. E la reputazione, inutile dirlo, è davvero quasi tutto in un mondo iper-connesso.

Continua a leggere su Centodieci.

Potrebbe interessarti anche